16 Febbraio 2011

Televoto, l’ Antitrust condanna la Rai

Televoto, l’ Antitrust condanna la Rai
 

da Ilsecoloxix.com

Nel giorno dell’ esordio del Festival di Sanremo, l’ Antitrust ha sanzionato la Rai per 50.000 euro per pratica commerciale scorretta, dal momento che l’ azienda non ha chiarito ai consumatori che il televoto (che sarà usato anche per la manifestazione canora) può essere manipolato, e obbligandola, già da questa sera, a «un’ informazione più trasparente». In particolare, si legge una nota del Garante, il conduttore, Gianni Morandi, dovrà spiegare con chiarezza che «al momento, non è stato possibile adottare strumenti tecnici in grado di prevenire l’ eventuale abuso di televoto da parte di call center e operatori specializzati». Analoga informazione dovrà essere fornita attraverso l’ utilizzo della grafica, con sovraimpressioni «di evidente leggibilità» nel corso della trasmissione. Così, secondi il Garante, i consumatori potranno «scegliere consapevolmente» se partecipare al televoto, sapendo che sono ancora possibili manipolazioni dei risultati attraverso l’ invio «massivo e automatico» di pacchetti di sms e di telefonate da parte di call-center e operatori appositamente organizzati. Il procedimento era stato avviato dall’ Autorità dopo una denuncia del Codacons relativa all’ edizione 2010 del Festival: per evitare la sanzione, la Rai aveva presentato un articolato pacchetto di misure, finalizzate a fornire ai consumatori un’ informazione più chiara e trasparente e a prevenire, con una serie di interventi scaglionati nel tempo, la manipolazione delle preferenze espresse telefonicamente dai telespettatori. Queste misure, però, sono state superate, nei loro effetti, dalla regolamentazione dell’ Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, che ha stabilito gli obblighi comportamentali a carico delle emittenti che decidano di utilizzare il televoto; obblighi che, però, entreranno a regime, per la parte riguardante gli strumenti tecnici di prevenzione dell’ abuso di televoto, a fine 2011. Per questo l’ Antitrust, «vista la gravità della scorrettezza di una pratica tanto diffusa e protratta nel tempo», ha deciso di procedere nell’ istruttoria, comminando una multa che tiene, comunque, conto della «collaborazione dell’ azienda e degli impegni presentati». Il commento del Codacons: stop al televoto Dopo la sanzione, il Codacons ha chiesto subito lo stop immediato al televoto, dicendo che altrimenti «è a rischio la classifica finale di Sanremo», e dunque l’ intera edizione del Festival: «L’ obbligo in capo alla Rai di informare già da stasera i telespettatori circa il rischio di abusi nel meccanismo di voto – si legge in nota del presidente dell’ associazione, Carlo Rienzi – equivale ad ammettere con certezza le tante lacune del televoto denunciate negli ultimi anni dal Codacons, e la possibilità di illeciti a danno dei telespettatori, che in buona fede spendono soldi da casa. Se la Rai non bloccherà il televoto già da questa edizione del Festival, o non adotterà entro oggi misure tecniche per impedire l’ accesso del call center, si apriranno scenari inquietanti: potrà essere chiesta la nullità della classifica finale della kermesse canora, invalidando anche la vittoria della prima canzone classificata, e potrebbero addirittura esserci pesanti ripercussioni sulle scommesse legate alla classifica del Festival di Sanremo. Per tale motivo, diffidiamo la Rai a eliminare da subito il televoto durante il Festival, e ci riserviamo ulteriori azioni legali nel corso dei prossimi giorni».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox