23 Febbraio 2010

SANREMO: POLIMICHE SUL TELEVTO

La polemica sul televoto a Sanremo non si placa mentre si scopre che a vincere, in fondo, è stata Mediaset che ha, sì rinunciato alla controprogrammazione permettendo alla Rai di portare a casa ascolti da record, ma fuori dal periodo di garanzia. Come a dire che Viale Mazzini non alzerà la sua media di ascolti, come ha sempre fatto, grazie all’audience del Festival e dei programmi ad esso collegati nel periodo in cui si calcola il valore degli spot pubblicitari. Sarebbe questo il vero motivo per cui è stata anticipata la kermesse, dicono i beneinformati, facendo un bel piacere alla concorrenza, ammesso che in tempi di RaiSet si possa ancora parlare di concorrenza. «Io sì che nel 2004 ebbi una vera controprogrammazione» ricorda la Ventura. E anche Baudo racconta «di aver sfidato tutti e tutto perché la missione era vincere il periodo di garanzia, portare a casa punti di share che valevano milioni». L’altra sera, intanto, appena sceso dal palco dell’Ariston per «Domenica in», Valerio Scanu ha preso un aereo privato ed è corso a festeggiare con «mamma» Maria De Filippi e i suoi «Amici» di Canale 5: «Questa sì che è un’orchestra» avrebbe detto non proprio diplomatico verso i musicisti che lo hanno accompagnato nella terra dei cachi e che, intanto, incassano il plauso dell’intera discografia italiana, Fimi e Afi, major e indipendenti, per la rivolta inscenata nella finale. Contro il televoto si accanisce il Codacons che ha raccolto oltre duemila mail di protesta di utenti, e ricorda come, in teoria, il meccanismo sia vietato ai minorenni, invece protagonisti della vittoria del giovane sardo e del terzo posto di Marco Mengoni. A facilitare l’accesso al podio dei tre Patrioti Trash (Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici) sarebbe stato invece il numero scelto per raccogliere le preferenze dei telespettatori: il 48444, lo stesso usato fino al 12 febbraio per «I raccomandati». Sarà pure stato usato anche per altre competizioni ma, visto che i presentatori dello show di Raiuno erano in gara, se ne poteva trovare un altro. In una gara tra pubblici abituati al televoto, quello della triade era il più abituato: usava lo stesso numero. Nella polemica s’infila anche «Striscia» che parla di un cantante in gara che avrebbe comprato televoti tramite un call center. Morgan, intanto, resta protagonista con la canzone «La sera», che non ha cantato a Sanremo: «La Sony non è interessata a farla uscire», denuncia in diretta, inaugurando la web tv di Mona Ventura.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox