23 Aprile 2015

TELECOM: STOP AL MANOVRONE O SARA’ RICORSO AL TAR

    TELECOM: STOP AL MANOVRONE O SARA’ RICORSO AL TAR

    AGCOM ORDINA CONSENSO SCRITTO DEL CLIENTE, NUOVE TARIFFE NON POTRANNO ENTRARE IN VIGORE IL PROSSIMO 1 MAGGIO

    CODACONS PRONTO ALLA BATTAGLIA LEGALE A TUTELA DEGLI UTENTI

    Il Codacons chiede oggi il blocco del “manovrone” di Telecom Italia che riguarderà le tariffe praticate agli utenti relativamente alla telefonia fissa. L’Agcom, infatti, ha deliberato una diffida con la quale obbliga l’operatore telefonico a raccogliere il consenso da parte dei clienti che rientrano nel servizio universale. Si tratta di circa 1 milione di utenti, per i quali Telecom dovrà acquisire apposito consenso scritto.
    La manovra tariffaria dovrebbe entrare in vigore il prossimo 1 maggio – spiega il Codacons – ma se la società telefonica non sarà in gradi do rispettare l’ordine dell’Agcom, e quindi acquisire il consenso dei clienti, l’operazione dovrà essere rimandata. In caso contrario ci troveremmo di fronte ad una inottemperanza all’ordine di una Autorità, che porterebbe il Codacons ad impugnare la manovra al Tar e presentare formale denuncia in Procura.
    “Chiediamo massima vigilanza da parte dell’Autorità per le comunicazioni, affinché l’operazione non si trasformi in una stangata per gli utenti, e perché siano date esaustive comunicazioni ai clienti circa vantaggi e svantaggi delle modifiche tariffarie, così da mettere i consumatori nella posizione di compiere scelte consapevoli” – afferma il Presidente Carlo Rienzi.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox