18 Gennaio 2010

SICUREZZA ALIMENTARE: CODACONS, ALLARME ADDITIVI CHIMICI

(AGI) – Roma, 18 gen. – Gli additivi chimici nei cibi, dai pesci ai dolci passando per il gelato, sono a serio rischio sicurezza, addirittura potenzialmente cancerogeni. E’ l’allarme del Codacons, che chiede di rivedere il Codex Alimentarius, l’insieme di regole internazionali sulla sicurezza alimentare. "Per la produzione e la commercializzazione di prodotti alimentari su tutto il globo terrestre, infatti – sottolinea il Codacons – viene autorizzato l’utilizzo di sostanze chimiche che ne dovrebbero garantire la sicurezza sotto il profilo di igienicita’. Ma nulla viene detto sui possibili effetti collaterali e sul residuo potere nutrizionali degli alimenti trattati con sostanze quali micotossine, idrocarburi aromatici policiclici; desoxynivasol; acrilamide, cadmio. Per i pesci si teme per il metilmercurio e per il piombo. Recentissima e’ poi l’autorizzazione ad aumentare fino a quasi il doppio il livello delle aflatossine nelle nocciole, noci, pistacchi e fave di cacao. Eppure e’ risaputo che fin dagli anni 60 le aflatossine venivano utilizzate dai ricercatori per indurre i tumori negli animali per poi studiarli. Pertanto, le stesse non sono "potenzialmente" cancerogene; ma sono cancerogene e basta! Di conseguenza nessuno ci dice il livello personale (e non quello statistico) di sopportazione di tali additivi". Persino uno dei prodotti-vanto della genialita’ italiana, il gelato, "rischia di subire conseguenze gravissime dall’aggiunta delle aflatossine; se pensiamo che il latte (componente principale del gelato) viene munto da mucche trattate con l’ormone della crescita, allevate con prodotti transgenici, mescolati ad elevate dosi di antibiotici; e che a cio’ si aggiungono le aflatossine delle nocciole,dei pistacchi e del cacao (altro componente fondamentale), i gelatieri italiani non possono non condurre una strenua opposizione per la eliminazione degli additivi dannosi e per la tutela di un prodotto sano e sicuro, a reale tutela della salute dei consumatori alla quale partecipera’ il Codacons". Il Codacons – dichiara l’avv. Giuseppe Ursini – "interviene a tutela della salute dei consumatori italiani, chiedendo che vengano riparametrati le componenti del Codex (al momento libellus) Alimentarius attraverso la realizzazione di accordi che in primo luogo rispettino i prodotti naturali e la loro commercializzazione, ed in secondo luogo tutelino la salute dei consumatori (garantita dall’art. 32 della Cost.) ponendosi al di sopra di interessi privatistici e commerciali di qualsiasi natura e provenienza. A tale scopo si sollecita sin d’ora gli organi competenti a formulare le rituali opposizioni (per le aflatossine) nelle sedi competenti". (AGI) Pgi

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox