23 Novembre 2017

Si apre una voragine, paura alla Montagnola: «Potevamo farci male»

IL CASO Ancora una voragine. Questa volta alla Montagnola. Ieri è stata la volta di via Attilio Ambrosini, dove si è aperta una buca profonda che ha costretto i vigili urbani a deviare il traffico, all’ angolo con via Accademia Degli Agiati. È solo l’ ultimo episodio. Sotto terra si notano strutture di murature in mattoncini, che arrivano fino a dodici metri di profondità. Per questo sono stati subito allertati gli uffici della Soprintendenza statale. Dai primi sopralluoghi tecnici sembra che l’ ambiente sotterraneo sia la cosiddetta camicia che circonda la colonna di un pozzo fognario. La dinamica sarebbe da interpretare come un cedimento del terreno accanto ad una fogna in mattoni. Da una prima visione delle fotografie, gli uffici della Soprintendenza parlano di probabili strutture fognarie risalenti all’ Ottocento o ai primi del 900. L’ area è stata transennata e deviato il tratto. Ancora da chiarire le cause del cedimento del manto stradale. La voragine si è aperta nei pressi di un bar: all’ inizio i gestori hanno posto a protezione delle sedie creando una sorta di transennamento. «Il cratere misura circa cinque metri per tre per un totale di circa 30 metri cubi di materiale», a fornire le dimensioni è il personale della Protezione Civile presente sul posto. Ora toccherà a periti e tecnici del Comune capire le cause del crollo improvviso. Preoccupati i residenti: «Abbiamo sentito un forte boato e siamo scesi subito in strada. Non credevano ai nostri occhi». Il Codacons presenterà oggi un esposto alla Procura di Roma chiedendo di aprire una indagine per il reato di attentato alla sicurezza dei trasporti. I residenti: «Abbiamo sentito un forte boato e siamo scesi subito in strada. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox