2 Dicembre 2010

Sarà un Natale all’ insegna della tradizione

ROMA – COMMERCIANTI e produttori sono concordi: per volume di spesa delle famiglie sarà un Natale all’ insegna della tradizione. Vuol dire che saranno panettone, spumante, cotechino e lenticchie a salvare i bilanci aziendali nelle feste di fine d’ anno. Il portafoglio degli italiani, peraltro con una spesa più ‘ leggera’ di 17 euro pro-capite (1.337 euro a famiglia) rispetto alla media del 2009, verrà aperto più volentieri per imbandire la tavola sotto l’ albero o davanti al presepe, rispetto agli acquisti di capi d’ abbigliamento (-4%), libri-cd-dvd (-1,2%) o pacchetti-vacanze. Unica concessione alla novità, il buon andamento di ipod e ipad (+2,7%), stazionari telefonini, computer e accessori (+1,5%). La previsione è della Confcommercio che segnala un aumento dello 0,6% sul 2009 delle spese per generi alimentari, vino e altri prodotti tipici legati alla ricorrenza. Una tendenza confermata da Coldiretti («8 persone su 10 spenderanno quasi la stessa cifra di un anno fa, le altre anche di più») e Confagricoltura (+1,2% per carni, prosciutti, salumi, frutta e dolci, innaffiati da 80 milioni di bottiglie). Gli italiani, dunque, per reazione alla crisi mondiale, non rinunciano a buttarla in allegria fra le mura domestiche o nei cenoni? Macché, ribattono all’ unisono le associazioni dei consumatori. «Consumi natalizi in calo dell’ 11%», è la previsione di Federconsumatori e Adusbef, «passando da una spesa di 6,2 miliardi di euro nel 2009, pari a 258 euro per famiglia, a 5,5 miliardi nel 2010, 229 euro a famiglia». SECONDO le stime del Codacons, nonostante i rincari (dal +3,7% dello spumante fino al + 9,8% del vino, per non parlare dei giocattoli) «la spesa delle famiglie per il Natale 2010 sarà particolarmente accorta, nel complesso in linea con quella dello scorso anno, attestandosi a quota 200 euro procapite». Visto che nessuno mette in discussione l’ effetto-crisi sull’ economia domestica, gli addetti ai lavori del comparto alimentare comunque insistono: «Intorno alla tavola è buonissima la capacità di reazione delle famiglie».
 
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox