28 Dicembre 2011

Saldi, avvio ufficiale il 5 gennaio scontro sulla spesa degli italiani

Saldi, avvio ufficiale il 5 gennaio scontro sulla spesa degli italiani

ROMA – In via dei Condotti, tempio dell’ acquisto firmato, cartelli al ribasso non se ne vedono. Ma basta infilarsi in una delle strade perpendicolari o parallele per scoprire che, dietro cartelli espliciti come «Fuori tutto» o anglofoni come «Temporary outlet», la stagione dei saldi, che a Roma inizierà ufficialmente il 5 gennaio, è già in corso. Se a Natale abbiamo speso 400 milioni di euro in meno di un anno fa (il 18%), per il commercio la speranza per evitare bilanci in rosso se non la chiusura, è proprio la stagione dei saldi. Ma i pronostici sono contrastanti. Per l’ associazione dei commercianti ogni italiano spenderà in media 168 euro; una cifra lontanissima dalle stime delle associazioni Adoc, Codacons e Federconsumatori, che invece prevedono un crollo tra il 20 e il 30% delle vendite rispetto all’ anno scorso. Partiamo dagli ottimisti. Per l’ ufficio studi di Confcommercio ogni famiglia spenderà mediamente 403 euro per l’ acquisto di capi d’ abbigliamento e accessori (appunto 168 euro pro capite), per un valore complessivo di 6,1 miliardi di euro, che rappresenterebbe il 18% del fatturato annuo del settore. Ben altri conti fa invece il Codacons, che parla di «valutazioni ottimistiche» da parte dell’ Ascom ed al contrario prevede un clamoroso flop per i prossimi sconti stagionali. «Solo il 40% delle famiglie – sostiene il presidente dell’ associazione, Carlo Rienzi – potrà permettersi qualche acquisto, e la spesa pro capite in regime di saldi si attesterà sui 110 euro. Il calo delle vendite, in base ai primi risultati emersi da una nostra indagine, raggiungerà quota -30% rispetto ai precedenti saldi invernali». A Rienzi fa eco l’ Adoc, le cui previsioni sono altrettanto se non ancor più negative: «Si prevede un calo delle vendite del 30% rispetto allo scorso anno e una spesa in ribasso del 21%», dice in una nota il presidente Carlo Pileri, secondo il quale la spesa per ogni persona non supererà dunque i 90 euro. Gli ottimisti si appellano anche al clima. «Una stagione autunnale caratterizzata da un clima mite – dichiara Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia e vice presidente di Confcommercio – non ha certo favorito le vendite di capi d’ abbigliamento della collezione autunno-inverno». Crede poco all’ aiuto del gelo invece l’ Osservatorio Nazionale Federconsumatori, secondo cui, seppure il numero delle famiglie intenzionate a comprare a saldo rimanga pressoché invariato rispetto allo scorso anno (circa il 44-45%, pari a 10,8 milioni di famiglie), la spesa sarà decisamente più bassa. Ogni famiglia dovrebbe infatti spendere circa 223 euro, il 19% in meno rispetto allo scorso anno quando, sempre in occasione dei saldi invernali, la spesa era stata di circa 277 euro a famiglia. Infine, il 74% dei partecipanti a un sondaggio di Sky Tg24 dichiara che non spenderà neanche in occasione delle svendite. Per verificare chi ha avuto ragione non ci sarà da attendere molto. Il via ufficiale dei saldi è infatti fissato per il 5 gennaio per la maggioranza delle città a cominciare da Roma, Milano, Torino e Napoli. Basilicata e Sicilia anticiperanno al 2, mentre chiuderà la Valle d’ Aosta il 10. Le vendite scontate ufficiali dureranno due mesi. RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox