6 Luglio 2002

«Rincari, un italiano su 4 in sciopero»

I consumatori: 10 milioni di adesioni, segnalato un calo degli affari nelle grandi città. L?Istat: il paniere dell?inflazione non cambierà


«Rincari, un italiano su 4 in sciopero»
Ma i supermercati: irrilevante il peso della protesta antieuro, in alcuni casi abbiamo venduto di più





MILANO – Convincere più italiani possibile a non comprare nulla per protestare contro il presunto aumento, causato dall?euro, dei prezzi di molti beni di consumo e contro il paniere Istat, «reo» di calcolare il tasso d?inflazione in modo inattendibile. Era questa la scommessa delle associazioni di consumatori – Adusbef, Federconsumatori, Adoc e Codacons – che hanno proclamato per ieri lo «sciopero della spesa». Il cartello dei consumatori sostiene di aver ottenuto un successo enorme e parla di 10 milioni di adesioni all?iniziativa: «Almeno 1 cittadino su 4 ha protestato contro i “ladri di euro“ e il caro prezzi», dicono. In realtà, al di là del valore simbolico e politico della manifestazione, verificare le adesioni è difficile. Quasi come passare 12 ore senza mettere mano al portafoglio. Gaetano Pergamo, di Confesercenti, parla di «adesioni statisticamente irrilevanti». Riccardo Garosci, direttore della Faid federdistribuzione, assicura: «Abbiamo rilevato i dati nei punti vendita del Nord, Centro e Sud Italia: rispetto a venerdì scorso pare che i clienti siano addirittura aumentati». E questi sono dati nazionali. Perché se poi si va a vedere che cosa è successo città per città e mercato per mercato si scopre che a Milano è calato il consumo dei caffè al bar e si è speso meno nei parcheggi a pagamento e anche nell?acquisto di fiori ai chioschetti (peccato). Che a Roma supermarket e mercati rionali erano in sofferenza. Che a Napoli lo «sciopero» colpiva soprattutto esercizi non alimentari e in Toscana Unicoop parla di «adesioni significative».
Ma insomma, davvero si spende di più? E se sì, per che cosa? E ancora, l?Istat calcola l?inflazione come si deve o no? «Forse si spende di più – dice Garosci – ma perché non abbiamo ancora metabolizzato il passaggio all?euro. Per esempio, ieri davamo 1.000 lire di mancia e oggi 1 euro, il doppio. E lo stesso accade in chiesa con l?elemosina. Secondo me conta anche il fatto che sia una moneta: se avessimo le banconote da 1 euro le spenderemmo con meno facilità». Ma allora il carovita non c?entra, è solo una sensazione. Possibile? «In realtà i prezzi di alcuni beni crescono davvero e noi lo abbiamo sottolineato – spiega Gian Paolo Oneto, responsabile delle statistiche congiunturali dell?Istat -. Gli alimentari, per esempio, sono aumentati di oltre il 4% e le verdure fresche, da dicembre a maggio, del 15%. Queste cose colpiscono molto la percezione dei consumatori, che poi magari si scordano del fatto che costano meno le tariffe aeree o il gas, voce importante nel budget delle nostre famiglie il cui costo è sceso del 6%». Sarà. Eppure proprio l?Istat era uno degli obiettivi della protesta. Sotto la sede romana dell?Istituto ieri c?è stato un sit-in. I partecipanti radunati dalle 4 sigle che hanno promosso lo sciopero, dicevano che il paniere è lontano dalla realtà, che si basa sui consumi di prodotti non indicativi delle possibili variazioni del costo della vita, che l?inflazione è nascosta e il carovita viaggia al 4-5% e non al 2,2% rilevato dall?Istat. Alla fine i rappresentanti dei consumatori sono anche stati ricevuti dai vertici Istat, che però hanno escluso la possibilità di aggiornare il paniere d?accordo con loro: «Le critiche sono utili e noi siamo pronti a dare chiarimenti – hanno detto all?Istituto – ma l?indagine deve basarsi su criteri statistici definiti dai regolamenti comunitari». Criteri giudicati insoddisfacenti anche da Alfonso Pecoraro Scanio (Sole che ride) che intende presentare una proposta di legge per cambiarlo. E da Confconsumatori e altre associazioni che non hanno aderito allo sciopero, ma che vogliono creare un paniere alternativo che tenga conto dei nuovi stili di vita lavorando assieme all?istituto di rilevamento Eurispes.


    Aree Tematiche:
  • EURO
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox