fbpx
28 Luglio 2019

Rimborso fatturazione a 28 giorni: ecco come fare per ottenerlo, compagnia per compagnia

 

di Emily Capozucca e Fabio Savelli Dovrebbero essere automatici in bolletta, ancora non lo sono e il cliente rischia di dover seguire una via crucis per rivedere il ristoro di quanto ha pagato impropriamente nei nove mesi compresi tra marzo e dicembre 2017 in cui le compagnie telefoniche hanno modificato il piano di fatturazione riducendolo da un mese a 28 giorni. Nonostante la sentenza del Consiglio di Stato che ha riconosciuto i rimborsi ai clienti (al momento per Fastweb, Vodafone e Wind ma si attende una sentenza gemella per Tim) non è chiaro il modo in cui ottenerli.
L’associazione dei consumatori Codacons annuncia un nuovo esposto ad Agcom e Antitrust contro le società di telecomunicazioni, che al momento stanno procedendo in ordine sparso, pubblicando i relativi moduli nelle aree riservate dei propri siti web attraverso i quali i clienti possono chiedere gli indennizzi. Proseguono nel frattempo le proposte di rimborso alternative sotto forma di sconti, minuti di conversazione o traffico internet gratuiti. Una situazione che non solo genera confusione, ma rischia di privare gli utenti di un diritto loro riconosciuto. Come orientarsi dunque?
Tim
Tim è ancora in attesa di conoscere l’esito del proprio ricorso ma conferma la disponibilità verso i propri clienti di altre modalità compensative e di aver predisposto l’accoglimento delle richieste di rimborso formulate dai propri clienti presso i canali conciliativi. Nel frattempo i clienti possono scegliere di avere servizi in omaggio (in negozio, alla pagina MyTim o telefonando al 187)
Vodafone
Vodafone, sempre se non si ha intenzione di accettare modalità di rimborso alternativi (scontistica o offerte) invita i suoi clienti ad andare ad una pagina web e compilare on line il modulo richiesto con tutti i riferimenti della persona e del numero di rete fissa di riferimento. Il rimborso è previsto solo per la clientela attiva riaccreditato in sei mesi e cioè in tre fatture.
Anche Wind 3 concede il rimborso con la possibilità di soluzioni compensative o tramite storno in fattura nell’area riservata ai clienti , effettuare la scelta e compilare l’apposito form on line. Tramite pec, raccomandata o Conciliaweb è possibile richiedere rimborsi anche dagli ex clienti.
Fastweb
Fastweb entro fine mese pubblicherà le nuove offerte sia di compensazione che di rimborsi. Sta valutando di rimborsare anche gli ex clienti.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox