14 Febbraio 2007

OGGI L`INCONTRO CON I BENZINAI Via i costi di ricarica

LIBERALIZZAZIONI BERSANI NON SI FERMA. OGGI L`INCONTRO CON I BENZINAI Via i costi di ricarica dal 5 marzo per cellulari, Internet e tv

MILANO NESSUN RINVIO per l`abolizione dei costi di ricarica dei telefonini. Entro una ventina di giorni, esattamente dal 5 marzo, le compagnie telefoniche non potranno farci pagare un centesimo in più oltre il prezzo del traffico acquistato. Dopo che nei giorni scorsi i consumatori avevano lanciato l`allarme per il rischio che con un emendamento al decreto legge all`esame della Commissione Attività produttive la data di entrata in vigore venisse spostata a giugno (con un aggravio di costi di ben 450 milioni di euro per oltre il 90% degli utenti dei cellulari che usano le prepagate) ieri è arrivato un secco e ufficiale no a qualsiasi ipotesi di rinvio. Non solo: sempre dal 5 marzo non si dovranno più pagare costi aggiuntivi anche per le carte prepagate per i collegamenti a Internet (Adsl) e la televisione digitale terrestre ma anche in questo caso solo il prezzo del servizio. Il primo a scendere in campo e a bocciare qualsiasi apertura a uno slittamento dell`entrata in vigore del provvedimento è stato ieri mattina il ministro per lo Sviluppo Economico Pierluigi Bersani. “Noi abbiamo presentato una proposta molto precisa ? ha spiegato ? ora il Parlamento valuterà. Noi siamo fermi nella nostra posizione“. E il governo, ha aggiunto sempre il ministro andrà avanti anche sul resto del pacchetto liberalizzazioni (per cui alcuni provvedimenti potrebbero essere accelerati trasferendoli in sede parlamentare dal disegno di legge al decreto) a cominciare dal fronte benzina. OGGI, ha assicurato Bersani, verranno ascoltate le ragioni dei benzinai in occasione dell`incontro al ministero ma “si andrà avanti“. Semmai ? ha replicato ? proclamare altri quattro giorni di sciopero prima ancora dell`incontro non mi è parsa una mossa molto distensiva“. E avanti, come detto, si va anche per l`addio ai costi di ricarica dei cellulari. Posizione confermata dal relatore al dl sulle liberalizzazioni, Andrea Lulli. “La data di entrata in vigore della norma non si sposta e resta fissata al 5 marzo“. Lulli ha aggiunto che non gli risulta al momento che siano stati presentati emendamenti per un rinvio: “Ho parlato con i gruppi e mi hanno detto che non c`era questa intenzione“. Al contrario invece il relatore ha presentato un emendamento che, se approvato, estenderà a tutti i servizi di tlc le stesse regole di maggior correttezza verso i consumatori. Quindi l`abolizione dei costi di ricarica riguarderà non solo i telefonini ma anche le schede prepagate per la tv digitale terrestre e le comunicazioni elettroniche (collegamenti a Internet). Sempre lo stesso emendamento, ha spiegato Lulli, salva “i vincoli di durata di eventuali offerte promozionali comportanti prezzi più favorevoli per il consumatore“ dal divieto di fissare “termini temporali massimi di utilizzo del traffico acquistato“. LULLI ha anche spiegato perché non ci saranno rinvii all`abolizione di un balzello che solo nel 2005 ha procurato un aggravio di costi sulle ricariche di 1,7 miliardi di euro. “Siamo un paese un po` malato ? ha spiegato ?. Avevo chiesto di valutare le controdeduzioni delle aziende ma le osservazioni che sono arrivate sono irricevibili: non mi hanno convinto. Anzi mi hanno convinto del contrario ossia che non vi sono difficoltà tecniche e che l`applicazione della norma nei tempi previsti è possibile oltre che giusta“. Il secco no al rinvio è stato accolto con soddisfazione dai consumatori. “E` un`ottima notizia ? ha commentato il presidente del Codacons, Carlo Rienzi ? ora ci aspettiamo dal ministro un provvedimento che apra la strada alla restituzione di quanto pagato in più negli anni dagli utenti“. Critico invece verso l`operato del governo è Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori liberali e deputato di Forza Italia che ha presentato un emendamento al ddl di conversione del decreto-Bersani per abolire la tassa sugli abbonamenti dei cellulari.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox