2 Dicembre 2010

Natale, il brindisi è più caro

Natale, il brindisi è più caro
 

«Quest’ anno per il tradizionale brindisi a tavola durante il cenone, si spenderà di più rispetto al 2009 (dal +3,7% dello spumante fino al +9,8% del vino rosso), mentre risultano stabili o in lieve aumento i prezzi dei prodotti alimentari classici (pandoro, panettone, torrone, cotechino, ecc.)». A sottolinearlo è il Codacons che ha svolto la consueta indagine per monitorare i prezzi dei beni legati alle feste di Natale. Gli incrementi più sostanziosi, rileva l’ associazione dei consumatori, «riguardano però il settore degli addobbi per la casa: se restano invariati i listini degli alberi di Natale, rincari non indifferenti si registrano per palline, luci, e accessori per incartare i regali (carta, coccarde, ecc.). Altra nota dolente, quella dei giocattoli (+10,8% per le costruzioni, +5,1% per le bambole). In crescita anche i prezzi dei libri, con una media di 20,9 euro a volume (+10,5% su 2009). Non sarà un Natale "freddo" ma i consumi soffriranno per la crisi. Il presidente della Confcommercio Carlo Sangalli presenta l’ indagine del centro studi sulla congiuntura economica in prossimità delle feste natalizie che registra un calo della spesa media delle famiglie, con una tenuta degli alimentari e una crescita della piccola e media tecnologia. «Sarà un Natale che soffrirà delle difficoltà economiche del nostro Paese, comunque per quanto riguarda i consumi non sarà freddo, con una propensione moderatamente in crescita. Non ci sarà quindi una caduta dei consumi ma una moderata propensione agli acquisti su beni alimentari e tecnologici». Secondo lo studio di Confcommercio le tredicesime quest’ anno registrano un lieve aumento dello 0,7% ma la spesa media per famiglia per il Natale, al netto della variazione dei prezzi, quindi a parità di potere d’ acquisto, è in calo dell’ 1,2% e ammonterebbe a 1.337 euro rispetto ai 1.354 del 2009, una cifra che è stata calcolata sommando le tredicesime e i consumi aggiuntivi, cioè le spese effettuate da chi non è dipendente o pensionato (e quindi non percepisce la tredicesima).
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox