15 Settembre 2009

La portabilità si farà in 3 giorni

 Il Consiglio Di Stato ha accolto il ricorso dell’AGICOM, che così da il via libera al cambio di operatore mobile in soli 3 giorni

 Il Consiglio di Stato ha deciso: per cambiare operatore mobile non devono passare più di 3 giorni e non i 30 auspicati da Telecom e Vodafone. La controversia è nata alla decisione dell’AGICOM di imporre i 3 giorni lavorativi per il passaggio da un operatore all’altro i due colossi della telefonia mobile avevano fatto ricorso al TAR del Lazio sfruttando un cavillo della Legge Bersani, (che prevede per tutti i contratti civili un periodo di 30 giorni di preavviso per il diritto di recesso) che aveva accolto le rimostranze dei due operatori mobili. Ma per fortuna la sentenza del TAR è stata ribaltata. Esultano così tutte le associazioni dei consumatori, che avevano intrapreso questa vertenza a difesa dei cittadini.  Il presidente di Codacons, Carlo Rienzi, ha dichairato "la sentenza fornirà maggiori garanzie agli utenti, spesso impotenti di fronte all’arroganza delle compagnie telefoniche". Per Federconsumatori, invece, "ora si pongono due questioni: una è quella di aumentare le risorse a disposizione dell’Agcom per competere sulle contestazioni delle aziende; l’altra riguarda il Tar del Lazio, che nelle sue sentenze dovrebbe essere maggiormente attento agli effetti dei suoi pronunciamenti". Nessun commento da parte di Vodafone e TIM, anche se il primo per mezzo di un portavoce si auspica "anche la regolazione della telefonia fissa possa garantire certezza e minori ostacoli al passaggio dei clienti". E di certo non ha torto…basta chiedere a chi ha "tentato" di cambiare operatore di telefonia fissa le peripezie affrontate, soprattutto nel passaggio da Telecom a un altro gestore.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox