21 Marzo 2012

INCHIESTA SU SIM TELECOM, INDAGATI MANAGER E DIPENDENTI

    INCHIESTA SU SIM TELECOM, INDAGATI MANAGER E DIPENDENTI

    D.LGS. 231/2001: IN CASO DI RESPONSABILITA’ A TELECOM CONVIENE RISARCIRE SUBITO GLI UTENTI

    TELECOM APRA UN TAVOLO CON LE ASSOCIAZIONI DI CONSUMATORI E RESTITUISCA 231 MILIONI

    Manager e dipendenti di Telecom sono indagati dalla Procura di Milano per un presunto giro di sim falsamente intestate.
    Per il Codacons, se saranno accertate responsabilità ai sensi del D.lgs n. 231 dell’8 giugno 2001, allora a Telecom converrà risarcire, prima dell’apertura del dibattimento, ogni eventuale danno prodotto ai consumatori.
    L’associazione ricorda, infatti, che per l’art. 5 del D.lgs n. 231/2001 l’ente e’ responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio, ma che, ai sensi dell’art. 12, la sanzione e’ ridotta da un terzo alla metà se, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento di primo grado, l’ente ha risarcito integralmente il danno e ha eliminato le conseguenze dannose o pericolose del reato ovvero si e’ comunque efficacemente adoperato in tal senso.
    E’ evidente, quindi, che se saranno accertati danni agli utenti, ad es. se è stata violata la privacy dei consumatori o se è stata utilizzata la loro identità, allora Telecom dovrebbe aprire immediatamente un tavolo con le associazioni di consumatori per risarcire gli utenti, restituendo l’illecito profitto eventualmente ottenuto e che la Procura sembra stimare in 231 milioni.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox