15 Settembre 2007

IL GIORNO DOPO le rilevazioni della Bce

Dai prezzi impazziti un incontro e risarcimenti in Finanziaria



MILANO IL GIORNO DOPO le rilevazioni della Bce sui maxi-rialzi dei prezzi delle materie prime alimentari, la conferma che possa ripartire il caro-vita è arrivata dallo stesso presidente Jean Claude Trichet, secondo il quale nell`eurozona restano “rischi al rialzo dell`inflazione“. Un allarme che arriva a 24 ore dalla sciopero della pasta. Dopo il successo della protesta, Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori chiedono un incontro urgente con Prodi, provvedimenti contro l`aumento degli agroalimentari, rilevazioni attendibili dei prezzi e di inserire in Finanziaria interventi di risarcimento sociale per ripagare le famiglie “dello scippo attuato dal 2002 che ha distratto 70 miliardi di euro dalle tasche di chi vive con reddito fisso a favore di coloro che utilizzano una penna per variare i prezzi“. I consumatori attaccano quindi Confcommercio e Confesercenti definendo i loro leader (Sangalli e Venturi) come gli “ultimi giapponesi“. Pronta la replica di Venturi, che ha parlato di “battaglie sterili“, chiedendo al Governo di “tagliare le tasse e superare lo scontrino fiscale“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox