14 Febbraio 2011

>ANSA-FOCUS/ SANREMO: TELEVOTO E GIURIE,NUOVE REGOLE AL FESTIVAL

 
MORANDI-MAZZI, PIU’ PESO A ORCHESTRA, ENTRA IN GIOCO LA STAMPA

 
 
   (ANSA) – SANREMO, 14 FEB – Una combinazione tra il voto
dell’orchestra, quello della giuria demoscopica, la ‘golden
share’ dei giornalisti e un controllo più stretto sul televoto
che tante polemiche ha provocato nella scorsa edizione – come
non ricordare il lancio degli spartiti per alcune esclusioni – e
che quest’anno deve rispettare anche i nuovi paletti dell’Agcom:
sono queste alcune delle novità sulle operazioni di voto di
questo Sanremo, spiegate dal conduttore e dal direttore
artistico del Festival, Gianni Morandi e Gianmarco Mazzi, e da
Nando Pagnoncelli presidente dell’Ipsos, a cui è affidato il
reclutamento della giuria demoscopica.
   – VOTO DELL’ORCHESTRA. La principale novità: è stato messo
a punto un meccanismo per cui verrà fatta una media tra il
risultato del televoto e quello delle preferenze espresse dai 59
orchestrali e dai sei coristi. In pratica, se l’artista ‘A’ è
primo nella classifica determinata dal televoto e terzo in
quella dell’orchestra, risulterà al secondo posto della
graduatoria. Cioé la sua posizione sarà frutto della media dei
due risultati (1+3:2=2), indipendentemente dal numero di voti
ricevuti. L’orchestra esprimerà due preferenze per i Giovani
dalla seconda serata in poi e tre per i Big dalla quarta serata
in poi. "L’anno scorso il voto è stato molto disordinato e il
voto palese non vi rendeva liberi nelle scelte. Quest’anno sarà
segreto, votate serenamente e come se foste pubblici ufficiali.
Ed è molto serio che ci abbiate chiesto anche i testi delle
canzoni", ha detto Morandi ai componenti dell’orchestra. "La
vostra partecipazione è importante – ha sottolineato Mazzi –
l’abbiamo inserita con Bonolis ed era dai tempi dell’esclusione
dei Negramaro che pensavamo di farlo. Vi chiediamo un aiuto – ha
aggiunto rivolgendosi ai musicisti -: non rilasciate
dichiarazioni su artisti in gara, questo crea imbarazzi. Il
giudice non solo deve essere ma deve apparire imparziale".
   – TELEVOTO: avverrà con telefono fisso e cellulare e ci sono
dei paletti fissati nei giorni scorsi dall’Agcom (tra cui
l’esclusione dei voti provenienti da centralini call-center o
comunque da sistemi ripetitivi di invio che alterano la
rilevazione delle preferenze; nuovi limiti di 5 e 10 voti dalla
stessa utenza, a seconda della durata della sessione di voto,
con un massimo di 50 voti settimanali; la totale gratuità dei
voti invalidi, per i quali l’utente non deve pagare neanche
l’invio, etc…). Il televoto interverrà dalla seconda serata
in poi per i Giovani e dalla terza in poi per i Big. Durante il
Festival Morandi "metterà in guardia sul rischio che si corre
nell’alterazione del televoto che – sottolinea Mazzi – potrebbe
anche portare all’espulsione del cantante in oggetto". Il
Codacons ha ritenuto questa misura "insufficiente" e per
questo ha chiesto oggi all’Antitrust di bloccare subito il
televoto. Mazzi ha spiegato che ci saranno degli osservatori, ma
su questo saranno forniti dettagli nei prossimi giorni.
   – GIURIA DEMOSCOPICA: 300 persone diverse in ciascuna delle
due serate in cui vota (la prima e la seconda), è composta da
"fruitori di musica", cioé chi acquista almeno due
cd/dvd/singoli/mp3 negli ultimi 12 mesi e che nello stesso
periodo di tempo ha partecipato ad almeno un concerto.
   – ‘GOLDEN SHARE’: il voto espresso dalle radio di stanza al
Palafiori e dai giornalisti della sala stampa. Il primo
interviene sui giovani dalla quarta serata, con ogni testata che
esprime una sola preferenza; il secondo nella quinta serata,
quella della finale; nei prossimi giorni si saprà se i
giornalisti esprimeranno una preferenza a testata o individuale
(dipende anche dalla disponibilità di alcuni apparecchi
tecnologici con cui si effettuerà materialmente il voto). Il
primo meccanismo può permettere ad una artista di fare un salto
di una posizione, il secondo di tre.
    Riassumendo, nella finalissima di sabato e con la
combinazione di tutti i meccanismi di voto, si arriverà ad una
graduatoria di ‘posizioni medie’ di dieci artisti. A questo
punto interverrà la ‘golden share’ che delineerà le tre
posizioni finali. E solo dopo questa ‘scrematura’, sarà solo il
televoto a decidere. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox