7 Dicembre 2005

Grimaldi (Cnr): putrescina e cadaverina possibili killer

“Bambini e anziani più a rischio“


Grimaldi (Cnr): putrescina e cadaverina possibili killer Le due sostanze non vengono distrutte nella lavorazione




MILANO. Si chiamano putrescina e cadaverina, sono molecole altamente nocive che si formano durante la decomposizione di un organismo. Nelle uova marce utilizzate per alcuni alimenti messi in commercio sicuramente tali sostanze erano presenti. A spiegare i rischi che si corrono nell`ingerire tali prodotti è il professor Settimio Grimaldi, biofisico dell`Istituto di Neurobiologia e Medicina Molecolare del Cnr di Roma, nonché consulente esterno del Codacons. – Professor Grimaldi, cosa provocano queste due sostanze? “La putrescina e la cadaverina sono molto pericolose per l`organismo umano. Possono essere anche mortali. Ovviamente il grande rischio si ha se vengono ingerite in certe quantità. Non succede nulla di irreparabile se una persona ha mangiato un paio di grissini o un piatto di pasta contaminata in scarsa parte dalle uova marce. E` talmente irrisoria la quantità di putrescina e cadaverina che è assai difficile avere una reazione dell`organsmo. In effetti un problema però c`è: durante la lavorazione del prodotto da commercializzare (biscotti, panettoni, pasta o dolci) si arriva ad altissime temperature e ciò elimina sicuramente i vermi ma non le muffe e nemmeno certi batteri tossici. Anche a 200 gradi queste due terribili sostanze non smettono di essere attive. Quindi rimangono presenti anche nel prodotto alimentare che viene poi acquistato dagli ignari consumatori“. – Molte persone hanno mangiato cibi tossici senza saperlo. E quali conseguenze ci possono essere a livello di salute? “Considerando che ogni alimento viene assunto in moderate quantità, diciamo che il rischio non è elevato. Ma se parliamo di bambini e di persone anziane e dei malati, allora il discorso cambia. Un bimbo mangia quasi tutti i giorni merendine, biscottini, dolci, la pasta e magari il gelato. Se tutti questi cibi sono stati prodotti usando le uova marce è evidente che il livello di tossicità è maggiore. Il bambino diventa un bioaccumulatore di sostanze tossiche. E il danno, per la salute, è quindi molto probabile. Inoltre le persone anziane, che sono facilmente più deboli, rischiano di confondere i disturbi procurati da patologie già esistenti, da fastidi al fegato e all`apparato digerente che si manifestano improvvisamente. Insomma, anche il medico potrebbe fare diagnosi errate perché se nota un peggiornamento delle condizioni generali del paziente non può certo imputare nulla ai cibi che abitualmente l`anziano mangia. Quindi proseguirà con la solita terapia per le malattie già conosciute. Queste situazioni possono dunque generare grossi e pericolosi equivoci“. – Si tratta di una tossicità subdola. Non verificabile nell`immediato. “Esatto. Non si può avere certezza sul numero delle persone che hanno avuto disturbi o malesseri a causa dell`ingestione di alimenti nocivi come quelli composti con le uova putrefatte“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox