fbpx
21 Maggio 2019

Google scarica Huawei, stop aggiornamenti

NEW YORK. Nuova puntata nella guerra dei dazi tra Usa e Cina. Questa volta è Google che ha deciso di tagliare la licenza Android sui telefonini Huawei. Una decisione, adottata sulla scia della richiesta di Trump di limitare i rapporti commerciali con aziende cinesi che possono mettere a rischio la sicurezza nazionale americana. Lo stop penalizza fortemente il gigante asiatico, e scatena l’ ira di Pechino, ma suscita anche preoccupazioni tra tutti coloro che posseggono un dispositivo Huawei e che rischiano di trovarsi, entro breve tempo, con un device non utilizzabile o quantomeno limitato visto che non avrebbero più la possibilità di aggiornare il sistema operativo e, conseguentemente, l’ utilizzo di app come Gmail, Youtube e Play Store, creando problemi in termini di sicurezza del sistema e della privacy. Una mossa che potrebbe comunque avere ripercussioni pesanti visto che Google, come tutte le aziende tecnologiche, deve collaborare con i produttori di smartphone per garantire che i suoi sistemi siano compatibili con i loro dispositivi, mentre ora Google dovrà interrompere le attività commerciali con Huawei che implicano il trasferimento di hardware, software e servizi tecnici che non sono disponibili al pubblico, il che significa che Huawei potrà utilizzare solo la versione open source di Android e non avrà più accesso alle app e ai servizi di proprietà di Google, come il servizio di posta elettronica di Gmail. In Italia, primo paese in Europa per numero di dispositivi Huawei venduti, è scattato l’ allarme rosso tra utenti e associazioni di consumatori. «Seguiamo con preoccupazione la lotta commerciale tra Google e Huawei visto che a pagarne le spese saranno, come sempre, i consumatori», dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’ Adoc che chiede «a Google, alle istituzioni europee e italiane a fare chiarezza sulle ripercussioni a danno dei consumatori». Sul piede di guerra anche il Codacons pronto a far scattare una “class action” a favore degli utenti «per il risarcimento dei danni che scaturiranno da tale situazione». Ma sul fronte sicurezza sia Google che Huawei hanno rassicurato i clienti. Il gruppo americano ha confermato che si sta «conformando all’ ordine e sta valutando le ripercussioni». Ma per quanto riguarda gli utenti ha assicurato che «Google Play e le protezioni di sicurezza continueranno a funzionare sui dispositivi Huawei esistenti».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox