5 Ottobre 2021

Fedez ride del Codacons che esulta per il down di Instagram e Facebook

Il black out social che ha travolto il mondo nel tardo pomeriggio di ieri ha visto Instagram, Facebook e Whatsapp irragiungibili per diverse ore. Un “down” che è costato a Mark Zuckerberg circa 6 miliardi di dollari. “Ci scusiamo per l’interruzione: so quanto vi affidate ai nostri servizi per rimanere in contatto con le persone a cui tenete”, ha commentato il 37enne presidente di Facebook, mentre dall’altra parte del mondo, in Italia, c’è stato chi ha bridanto.
Fedez, il Codacons chiede il sequestro della raccolta fondi: “Fate schifo”

Il Codacons ha definito il down social “una cura disintossicante per gli utenti, soprattutto per quelli iper-connessi e che hanno difficoltà a staccarsi dallo smartphone”.
La felicità del Codacons

“Al di là degli innegabili disagi, il down di Instagram e di Facebook rappresenta una liberazione dallo strapotere degli influencer che in Italia dettano legge sui social network e bersagliano i propri follower di pubblicità martellanti – ha proseguito il Codacons – Influencer che finalmente sono stati silenziati e, almeno per qualche ora, dovranno tacere e non potranno dire la loro su tutto e spesso a sproposito, o sponsorizzare i propri prodotti commerciali. Una vera e propria cura disintossicante il black out odierno, che avrà benefici soprattutto per i più giovani e per quella fascia di utenti costantemente connessa e che ha difficoltà a fare a meno dello smartphone e dei social network”.
La reazione di Fedez

Parole che hanno riacceso l’ormai eterna faida tra l’associazione dei consumatori e Fedez, che via social ha riso del Codacons: “Ahahahah volo nell’iperuranio senza Wi-Fi”, ha cinguettato il rapper, negli ultimi due anni più volte trascinato in tribunale dall’associazione guidata da Carlo Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox