18 Agosto 2009

Consumi, meno pesce ma boom dei telefonini

Gli acquisti scendono dell’1,9%: giù auto, moto, elettrodomestici e le vacanze «all inclusive» Il Centro studi di Confcommercio stima nel 2009 un calo del 4,8% del Pil e una lieve ripresa nel 2010

Calano dell’uno per cento i consumi delle famiglie nel 2008, ma il peggio deve arrivare: la previsione di Confcommercio nella sua istantanea sui consumi calcola un crollo dell’1,9 per cento nel 2009, con il Pil in discesa libera (-4,8%). Uno scenario disastroso ma che non sorprende: le famiglie sono in sofferenza e tagliano dove possono, anche se non rinunciano a cellulari e hi-tech (rispettivamente più 189% e 50% nel periodo 2002-2008), tra le poche voci che non fanno marcare il segno meno. L’analisi della Confcommercio relativa al 2008 analizza anche gli anni passati (dal 2002) e cosa succederà nei prossimi due. Le previsioni sono più ottimistiche: nel 2010 secondo l’associazione di categoria consumi e prodotto interno lordo segneranno una lieve ripresa con un più 0,6%, dato che dovrebbe consolidarsi nel 2011, quando la spesa degli italiani crescerà dello 0,8% e il pil dello 0,6. Prospettive sulla carta che ovviamente non tengono conto di eventuali altri black-out dell’economia come quello pesantissimo degli ultimi due anni che ha piegato le ginocchia alle famiglie e alle imprese. Dunque nel paniere dell’italiano medio il telefonino è irrinunciabile, e nel 2008 l’acquisto di cellulari è cresciuto del 15,4%. Dato contestato dall’Adoc, associazione dei consumatori, che parla di una riduzione non solo degli acquisti ma anche dei punti vendita specializzati. In compenso si mangia sempre peggio e quindi si tagliano di netto le spese per il pesce (-5,4%), e per pane, frutta, latte e uova (-3%) che nel 2008 hanno registrato un’impennata dei prezzi causa l’aumento delle materie prime. Tagli netti anche per auto e moto (-15,1%), servizi di trasporto (-7,4%), elettrodomestici (-7,1%). Nel reparto vacanze perde appeal la formula «all inclusive» (-5%). In compenso la crisi del 2008-2009 sta stuzzicando la fantasia degli italiani che di necessità fanno virtù ed è per questo che aumentano le spese da «bricoleur», ovvero la manutenzione domestica fai-da-te: le attrezzature per la casa e il giardino sono a più 14,4%. Tornando al cibo, nel periodo 2002-2009 il pesce, formaggio, oli e grassi hanno subito un colpo durissimo (-19%) a favore di carne, pane e cereali. Però, in compenso, si beve più acqua e meno alcolici. Dato anomalo: si mangia di più al ristorante (più 5%). Le reazioni non si sono fatte attendere.  Adoc, Adiconsum e Codacons sono partite in quarta attaccando le inesistenti politiche del governo di sostegno alle famiglie e invitando Confcommercio a far abbassare i prezzi ai propri affiliati. In un secondo report sui consumi, limitato a quelli alimentari, la Coldiretti va controcorrente ma con dati relativi al primo semestre 2009. I consumi a tavola sarebbero in ripresa dell’1,5% e il cibo assorbe il 19,1% della spesa complessiva delle famiglie italiane (475 euro in media al mese). Nei primi sei mesi dell’anno sono mutate ulteriormente le abitudini alimentari: in calo la domanda di derivati dei cereali (pane, primi piatti surgelati e biscotti dolci) ma non della pasta che resta insostituibile. Invariati gli acquisti di carne suina, salumi e ortaggi, mentre crescono i derivati del latte (formaggi e yogurt), la frutta e il pesce. In quest’ultimo caso esattamente il contrario rispetto a quanto risulta agli analisti di Confcommercio. Secondo Coldiretti dal campo alla tavola gli alimenti arrivano a costare cinque volte di più.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox