7 Settembre 2016

CASSAZIONE: SPESE SPEDIZIONE BOLLETTE, RICARICO IVA SU UTENTI

    CASSAZIONE: SPESE SPEDIZIONE BOLLETTE, RICARICO IVA SU UTENTI

    CODACONS: SENTENZA INCOMPRENSIBILE. SE TELECOM NON DEVE PAGARE SPESE DI SPEDIZIONE NON PUO’ IMPORLE AGLI UTENTI

    Una sentenza incomprensibile che dimostra, ancora una volta, come gli utenti in Italia non godano di adeguate tutele, a differenza di altre realtà come il nord Europa e gli Usa. Lo afferma il Codacons, commentando la decisione della Corte di Cassazione sulle spese di spedizione delle bollette Telecom.
    “Il Codacons, che è stata l’associazione apripista nella battaglia contro le spese di spedizione delle bollette, con centinaia di sentenze vinte dinanzi ai giudici di pace di tutta Italia, non condivide la tesi della Cassazione – spiega il presidente Carlo Rienzi – La Corte tuttavia non afferma che sia giusto far pagare agli utenti le spese postali e la relativa Iva, ma solo che l’esenzione di cui gode la Telecom non può essere traslata in automatico sui consumatori che pagano le bollette. Questo significa che l’azienda telefonica, al pari delle altre che erogano servizi ed emettono fatture, incamera il corrispettivo delle spese di spedizione e dell’Iva. Ma che fine fanno questi soldi? E’ evidente che non possono rimanere nelle disponibilità del gestore telefonico, e devono essere girate, per quanto di competenza, a Poste Italiane e allo Stato”.
    In caso contrario – conclude il Codacons – si profilerebbe una appropriazione indebita e una truffa a danno delle casse erariali.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox