20 Febbraio 2011

Caos televoto, il vincitore annunciato già al mattino

SANREMO – Alla fine la Rai finisce per incartarsi e immergersi in un polverone polemico a sorpresa, seminando una scia di veleni che si proietta già sul prossimo festival. La scena paradossale si svolge in mattinata, durante la conferenza stampa. Un consulente di Rai Trade seraficamente rivela che fino a quel momento Vecchioni è il più votato al televoto (comunque un miracolo). Morandi che si inalbera, gli scappa un "vaffa" e lascia il tavolo rosso in volto. Il suo partner Giammarco Mazzi resta e inveisce contro quel consulente improvvido, lo invita a tacere e chiede ai giornali di non dare notizia di quanto accaduto (pio desiderio: le agenzie ci mettono pochi minuti a lanciare il resoconto). Non basta: di mezzo ci finisce anche uno scontro da ultima sfida fra lo stesso Mazzi e il consigliere d’ amministrazione Antonio Verro. I due si erano già incrociati nella nottata sanremese insultandosi. In mattinata l’ esponente del cda attacca pubblicamente la performance del venerdì di Luca e Paolo ("caduta di stile" la definisce) riferendosi al dialogo qualunquista sullo scandalo del bunga bunga. Mazzi legge in conferenza stampa una risentita lettera di risposta: «Verro non mi ama, già a settembre auspicava una nuova direzione artistica indebolendo di molto la mia posizione verso artisti e case discografiche». In suo soccorso e del Festival arriva un altro consigliere Rai Rizzo Nervo (dell’ opposizione) che dice: «La libertà di satira non può essere messa in discussione, soprattutto in un evento televisivo come questo». Insomma, l’ impressione è che ci sia già in atto una piccola guerra attorno al Sanremo del 2012, dove rivalità personali si uniscono a un momento di sbandamento politico. Il direttore di Raiuno Mazza sigilla il tutto assicurando: «Se non ci cacciano da martedì lavoreremo già al prossimo festival». Mazzi offre anche la disponibilità a rinunciare al suo contratto biennale che prevede la sua presenza anche nella prossima edizione. Morandi tentenna, nonostante il successo indubbio (anche la quarta serata è andata benissimo con una media del 47 per cento e 10 milioni e 600 mila spettatori): «Lo rifarei se ci fossero in gara i cantanti più grandi» butta là. E aggiunge: «Ma sarà difficile. Così, è più probabile che torni qui in gara come cantante che come conduttore. A meno che Mazza non mi convinca». Finito il Festival, dunque, non si può che parlare del prossimo, anche se la serata conclusiva è stata accompagnata dalle polemiche sul televoto. L’ uscita mattutina del consulente di Rai Trade, Sebastian Marcolin, ha messo in subbuglio tutti perché la paura era che aver reso nota la classifica potesse influenzare la votazione finale. C’ è chi ha gettato subito benzina sul fuoco: il Codacons ha annunciato che chiederà al Tar e alla magistratura di annullare il televoto e c’ è chi ha minacciato una class action per chiedere il rimborso delle scommesse (gli osservatori sul televoto che rappresentano i consumatori). E c’ è chi ha preferito ricorrere all’ acqua. Il buon Pagnoncelli facendo notare che il televoto rappresenta solo un decimo rispetto alle preferenze espresse con gli sms (fino a sabato mattina erano un milione e 800 mila). Lo stesso Vecchioni che ha fatto sapere che non crede di essere stato danneggiato («sono contento per l’ affetto ricevuto dalla mia canzone»). L’ Agcom ha escluso che la gaffe potesse influenzare la gara. Mazzi, spenti i fuochi, ha ridimensionato a piccolo pasticcio l’ accaduto. Il direttore di Raiuno Mazza ha escluso un’ alterazione sul corso delle votazioni. La parola d’ ordine che si è fatta largo è stata "the show must go on", lo spettacolo continua. Ma l’ incidente rivela almeno due cose: la tensione degli animi e la confusione generata dal complicato intreccio scelto per arrivare al voto finale con il televoto che sceglie il vincitore su un lotto di tre concorrenti selezionati con un giudizio misto formato dallo stesso televoto, da quello dell’ orchestra e dalla golden share dei giornalisti. RIPRODUZIONE RISERVATA.
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox