18 Ottobre 2017

Calenda: “Bollette a 28 giorni inaccettabili, devono essere vietate il prima possibile”

 

La questione delle bollette a 28 giorni emesse da alcune compagnie, soprattutto telefoniche, al posto di quelle con cadenza mensile è un tema che in molti si attendevano venisse affrontato all’ interno della legge di bilancio. La manovra varata dal Consiglio dei ministri, però, non ha incluso una norma in materia e ora si attende che venga inserito durante la discussione in Parlamento un provvedimento che proibisca la fatturazione a 28 giorni , probabilmente basandosi sulla proposta di legge presentata da Alessia Morani , del Pd. Secondo il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, la fatturazione a 28 giorni è ” inaccettabile ” ed è una questione ” che va messa a posto il prima possibile “. Tanto che a chi gli chiedeva se la norma verrà inserita con un emendamento alla legge di bilancio, Calenda ha risposto solamente: ” Va risolta il prima possibile “. Le parole di Calenda non sono bastate al Codacons : l’ associazione a tutela dei consumatori parla di un ” colpevole ritardo intollerabile ” da parte del governo ” che sta pesando sulle tasche dei cittadini costretti a pagare di più per bollette non più mensili ma ogni quattro settimane “. Secondo il Codacons, il governo dovrebbe passare ” dalle parole ai fatti “: ” Il comportamento illegittimo degli operatori va avanti da mesi, e non capiamo cosa si aspetti ancora ad elevare una maxi-sanzione nei confronti delle società scorrette e adottare provvedimenti a tutela degli utenti, i quali stanno pagando milioni e milioni di euro in più a causa di fatture fuorilegge “. A chiedere un intervento in materia per eliminare le bollette a 28 giorni era stata, per prima, la deputata Alessia Morani che ha poi presentato una proposta di legge per mettere fine a questa pratica. La Morani ha commentato le parole del ministro dello Sviluppo Economico: ” Troviamo molto positiva la presa di posizione di Calenda rispetto al problema delle bollette telefoniche ogni 28 giorni: va risolto al più presto “. Morani ribadisce: ” La questione va dunque affrontata subito e la legge di bilancio è l’ occasione utile per farlo. Per questo, sono pronta a presentare, sotto forma di emendamento, la mia proposta di legge sul tema “. Apprezzamento alle parole di Calenda è arrivato anche da Michele Meta , presidente della commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera Apprezzo la disponibilità del ministro, attento e competente, a mettere subito in pratica la risoluzione approvata due settimane fa a Montecitorio contro la pratica ingannevole della tariffazione a 28 giorni. Quel testo, a mia prima firma, ebbe il voto unanime di tutte le forze politiche e attende ora misure concrete che lo recepiscano. Avevo già dichiarato, in queste ore, la mia intenzione di riproporlo in sede di conversione parlamentare della manovra di bilancio; se anche il ministro pensasse a una norma specifica, a parte, saremmo comunque pronti a offrire tutta la nostra collaborazione, per porre fine a un inganno vero e proprio ai danni dei consumatori non solo da parte delle compagnie telefoniche, ma anche – come stiamo vedendo – di società operanti in altri settori. L’ importante è che tutto si risolva rapidamente”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox