7 Maggio 2011

Bruxelles: contro la concorrenza le spiagge ai privati per 90 anni

Bruxelles: contro la concorrenza le spiagge ai privati per 90 anni
 

 BRUXELLES Con una procedura d’ infrazione ancora non risolta contro l’ Italia per il sistema sulle concessioni marittime, che prevede il loro rinnovo automatico ogni sei anni, Bruxelles ha dichiarato ieri tutta la sua «sorpresa» per le notizie stampa sul decreto sviluppo che introduce il «diritto di superficie» su coste e litorali per un periodo di 90 anni. Il dubbio di Bruxelles è che il provvedimento sia contrario alle regole del mercato unico e della libera concorrenza. E si aggiunge alle critiche già giunte dagli ambientalisti ed ai timori dei consumatori di rincari dei prezzi negli stabilimenti attorno al 6%. Il clima è rovente e la misura è una delle più criticate dai partiti di opposizione, tanto che in difesa della scelta del governo scendono in campo tre ministri, allo Sviluppo, Paolo Romani, all’ Ambiente, Stefania Prestigiacomo e al Turismo, Michela Brambilla. L’ Ue: siamo molto sorpresi Ma la norma ha sorpreso Bruxelles. «Non abbiamo ricevuto nessuna notifica da parte delle autorità italiane, ma se i rapporti letti sulla stampa sono corretti e confermati, saremmo molto sorpresi perché non sarebbe ciò che ci aspettavamo», ha detto Chantal Hughes, portavoce del commissario francese al Mercato interno Michel Barnier. «Ci aspettiamo chiarimenti da parte delle autorità italiane, la nostra richiesta sarà inviata il più presto possibile», ha precisato. «La reazione ufficiale e formale della Commissione al decreto – ha detto ancora – arriverà solamente quando avremo visto e analizzato in dettaglio il provvedimento». Il contenzioso riguarda in particolare la Direttiva servizi del 2006 che regola il settore del turismo. All’ articolo 12 viene sancito che per le attività per le quali le risorse sono limitate (come nel caso dei litorali), le autorità pubbliche sono tenute ad applicare «una procedura di selezione trasparente ed imparziale, che permetta a tutti gli operatori interessati di candidarsi». La portavoce ha parlato di tempi «appropriati e limitati» per garantire agli operatori di pianificare i propri investimenti per un periodo certo, lasciando contemporaneamente a tutti quelli che lo desiderano la possibilità di stabilire un’ impresa. Per avere infranto queste regole, Bruxelles ha aperto una procedura contro l’ Italia (le due lettere di messa in mora sono state il 29 gennaio del 2009 e il 5 maggio del 2010), che se non risolta potrebbe portare le autorità italiane davanti alla Corte di giustizia Ue. «La questione è ancora aperta, anche se in questi mesi abbiamo lavorato molto con l’ Italia per trovare regole compatibili con il mercato unico europeo», ha riferito la portavoce. «Ciò che ci inquieta è che alla fine dei primi sei anni di concessione, ci sia il rinnovo automatico di questo diritto: ciò è in contrasto con le regole della concorrenza leale e del mercato unico», ha ribadito la Hughes. Bruxelles ha concesso agli operatori balneari un periodo transitorio fino al 2015, per evitare cambiamenti troppo traumatici, ma su questo termine non intende transigere. Tra quattro anni, al termine della concessione di sei anni, le concessioni dovranno essere assegnate attraverso aste aperte a tutti e trasparenti. Il governo alla riscossa Dal governo italiano, le prime reazioni sui dubbi espressi ieri dalla Commissione europea, sono da levata di scudi. Il ministro per lo Sviluppo economico Paolo Romani chiede alla Ue di tenere conto della diversità italiana: «In Italia – ha dichiarato Romani – ci sono 25 mila aziende balneari capaci di garantire posti di lavoro e di offrire ai turisti la qualità che questo tipo di aziende assicura». Nel respingere le critiche degli ambientalisti, che accusano il governo di svendere le spiagge ai privati, il ministro dell’ ambiente Stefania Prestigiacomo ha spiegato: «Abbiamo fatto una norma di tutela del nostro territorio per evitare che vengano a occupare le nostre spiagge imprese straniere laddove abbiamo una tradizione e una presenza storica di operatori italiani». Mentre per il ministro del turismo Michela Brambilla le polemiche nascono solo da malintesi: «La nostra preoccupazione è quella di tutelare le nostre coste, i malintesi saranno chiariti», ha dichiarato. A difesa del provvedimento, sono scesi in campo gli operatori balneari della Confcommercio e della Confesercenti, uniti nel ritenere sbagliate le critiche della Ue. Le organizzazioni dei consumatori hanno invece espresso preoccupazioni: secondo il Codacons con il nuovo sistema novantennale, i costi dei servizi di spiaggia potrebbero aumentare del 10% perché i concessionari scaricherebbero i costi della concessione sui consumatori.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox