5 Agosto 2019

ANTITRUST: RAFFICA MULTE COMPAGNIE TLC, PUBBLICITÀ INGANNEVOLE

     

    CODACONS: MULTE NON BASTANO, SERVE RIMBORSO IN FAVORE DEGLI UTENTI COLPITI DA PRATICHE SCORRETTE

    Non bastano le multe nei confronti di Tim, Vodafone, Wind e Fastweb, e agli utenti devono essere restituiti i soldi spesi a causa delle informazioni ingannevoli fornite dagli operatori telefonici. Lo afferma il Codacons, commentando la sanzione inflitta dall’Antitrist per i servizi fibra.
    “Grazie ai numerosi esposti presentati dal Codacons all’Antitrust le compagnie telefoniche sono state punite ma, a differenza di altre associazioni, noi non ci accontentiamo di multe irrisorie, inadeguate al profitto che le società telefoniche hanno generato grazie a pratiche scorrette – afferma il presidente Carlo Rienzi – Vogliamo che i consumatori incappati nelle pubblicità ingannevoli siano risarciti attraverso indennizzi o altre forme di rimborso, in quanto le loro scelte economiche sono state alterate dai messaggi ingannevoli diffusi dagli operatori, con conseguente danno sul piano materiale” – conclude Rienzi.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox