fbpx
16 Maggio 2002

ALIMENTAZIONE: STOP A LATTE, PAPPETTE E D OMOGENEIZZATI PER LATTANTI CONTENENTI OGM

    IL TAR ANNULLA IL D. M. DI VERONESI CON LA DISCIPLINA DELL?ETICHETTATURA PER GLI ALIMENTI PER LATTANTI VITTORIA DEL CODACONS IN BASE ALLA LEGGE 281/98 (TUTELA CONSUMATORI) IN DIFESA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

    DA OGGI TUTTI I PRODOTTI PER LATTANTI CHE NELL?ETICHETTA NON INDICHINO CHIARAMENTE AL CONSUMATORE EVENTUALI TRACCE ACCIDENTALI DI OGM NON POSSONO ESSERE PIU? VENDUTI
    DROGHERIE E FARMACIE DEVONO RITIRARE DAGLI SCAFFALI I PRODOTTI PER LATTANTI FINCHE? NON SARANNO SOTTOPOSTI ALL?ESAME DEL DNA E AL CAMBIO DELL?ETICHETTA










    IL CODACONS CHIEDE A GUARINIELLO IL SEQUESTRO DEI PRODOTTI ATTUALMENTE IN COMMERCIO




    Clamorosa sentenza delle III sez. del Tar Lazio, Presidente Carmelo Pellicanò, consiglieri Umberto Realfonzo e Silvestro Maria Russo, che accogliendo le tesi del Codacons, rappresentato in giudizio dagli Avvocati Carlo Rienzi, Cristina Tabano e Francesco Acerboni, hanno sostenuto l?illegittimità del D. M. Veronesi 371/01 nella parte in cui, modificando l?art. 4 comma 2 ult. per. Del D. M. 500/94, consentiva ai prodotti alimentari per lattanti di non indicare nell?etichetta eventuali tracce di ogm contenute nel prodotto.
    La sentenza, che costringerà al ritiro dei prodotti dal commercio per effettuare l?esame del DNA ed eventuale etichettatura, ha ribadito in modo netto il divieto assoluto di ogm nei prodotti alimentari per lattanti, costringerà anche i produttori a verificare, prima di mettere in commercio le scatole di pappette, latte e d omogeneizzati, se per caso vi siano tracce minime di ogm anche al di sotto dell?1%, generalmente consentito dall?UE per tutti gli alimenti. Questo perché ? ha sentenziato il TAR ? chi acquista un prodotto per bambini deve sapere con assoluta certezza se questo contiene ogm, anche in misura infinitesimale.

    Un?importante sentenza, dunque, in materia di tutela della conoscenza dei consumatori di ciò che mangiano e anche una delle prime applicazioni concrete della legge 281/98 che consente alle associazioni di consumatori come il Codacons di agire in difesa e in rappresentanza della collettività degli utenti.Così si legge nella sentenza: ?Nell?art. 4, c 1 del DM 500/1994 non può essere intesa, secondo il significato proprio delle parole e delle frasi adoperate , se non nel senso che la tolleranza prevista dal regolamento (CE) n. 49/2000 riguardi il solo uso di materiale derivato da OGM, altrimenti esclusi in ogni altro caso. Le altre disposizioni del regolamento (CE) 49/2000 (recte, del reg. CE 1139/98), connesse all?esenzione del produttore dall?obbligo di indicare le tracce accidentali di ogm negli alimenti ordinari, posson valere solo in tal contesto e non anche in quello degli alimenti particolari, le regole della cui etichettatura richiamano quelle generali di cui alla dir. 79/112/ CEE solo in via residuale. In ogni caso, la tolleranza della presenza di tracce di ogm negli alimenti per lattanti e di proseguimento, integrando una deroga espressa all?esclusione dell?uso di ogm, in questi ultimi, è di stretta interpretazione e non può concernere che l?oggetto proprio della norma derogata, ossia detto uso e non anche altri elementi spuri o non precisamente contemplati. Il principio di precauzione e la necessità della formazione, da parte dei consumatori di tali alimenti, di un consenso effettivamente informato su essi, in relazione alla qualità dei destinatari degli stessi e alla particolare protezione accordata alla buona salute di lattanti e bambini, non consentono deroghe all?etichettatura di tali prodotti né implicite, né inferite, mercè il gioco dei rimandi normativi plurimi, da disposizioni pensate per gli alimenti generici. Pertanto, se la peculiarità degli alimenti per lattanti e di proseguimento ha indotto il legislatore comunitario a dettar regole ad hoc, in ordine alla loro composizione e all?etichettatura, a più forte ragione tale disciplina speciale, la cui razio è evidentemente ispirata ad una più ponderata e rigorosa valutazione degli effetti degli ogm sulla salute dei bambini, non può essere ulteriormente derogata oltre lo scopo per cui la citata tolleranza è stata pensata?.

    A seguito di questa sentenza il CODACONS ha chiesto al Procuratore della Repubblica di Torino Raffaele Guariniello, che ha aperto un?indagine sui prodotti alimentari contenenti ogm, di far intervenire i NAS per il ritiro dal commercio di tutti quei prodotti che non indichino nell?etichetta la quantità di ogm contenuto.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox