fbpx
5 Febbraio 2010

ACETO BALSAMICO: DOPO LA DENUNCIA DEL CODACONS, CONTROLLI E SEQUESTRI IN CORSO IN TUTTA ITALIA

La denuncia del Codacons di poche settimane fa finalizzata a tutelare l’aceto balsamico di Modena e difendere i consumatori non è caduta nel silenzio.

Nel corso di operazioni condotte dagli organi ispettivi del Ministero per le Politiche Agricole, sensibili ad adottare quanto il Ministro ha denunciato in questi giorni sulla “tolleranza zero”, sono stati effettuati sequestri di “bollini ed etichette” che recavano diciture e simboli  non previsti dal Reg.583/09 ed in divieto a quanto stabilito dal piano dei controlli affidato all’ente di certificazione CSQA.

Il Codacons il 16 dicembre scorso aveva presentato ricorso alla Comunità Europea in tema di aceto balsamico di Modena, chiedendo la difesa di questo ultimo riconoscimento per l’agroalimentare italiano. Le autorità di controllo nazionali stanno ora cercando di arginare il fenomeno, individuando quelle aziende che hanno realizzato ampolle di aceto balsamico con etichette non autorizzate, in grado di minacciare la tutela stessa del prodotto in ambito comunitario, e di danneggiare sia i consumatori che l’indotto collegato alla produzione ed alla vendita dell’aceto balsamico.

La diffusione di queste ampolle di aceto non etichettate correttamente e distribuite spesso al di fuori dai confini nazionali, sta interessando associazioni europee di pari scopo che potrebbero chiedere il ritiro del prodotto dagli scaffali, con gravi danni per l’immagine e la tutela del prodotto.

Per questi motivi il Codacons auspica che vengano ulteriormente intensificati i controlli da parte delle autorità preposte,  nel rispetto delle regole ed a salvaguardia di uno dei prodotti Italiani più conosciuti al mondo.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox