7 Dicembre 2012

Zilli: «In Comune parlano di tasse Qui rischia di scapparci il morto»

Zilli: «In Comune parlano di tasse Qui rischia di scapparci il morto»

 

SACILE «In Comune parlano di tasse e intanto, si consumano le tragedie su strada». Tiziano Zilli non fa fatica a dire «come volevasi dimostrare» di fronte alla tragedia sfiorata, ieri, sulla strada di Ronche. Il portavoce del comitato No-tir di Sacile promette battaglia: contro l’ attendismo degli enti locali e lo stato di crisi del suo quartiere. «Bloccheremo – dice – la strada». Un muro umano contro il traffico pesante: l’ hanno in mente 500 residenti. Presi nella morsa di smog, alta velocità e rischio salute. «Il sindaco Roberto Ceraolo e l’ assessore provinciale Antonio Consorti devono pensare a deviare i camion da via Ronche – è l’ aut-aut di Zilli -. Non ce la facciamo più: prima o poi ci scappa il morto». Sfrecciano 2.604 auto, 340 motocicli, 319 furgoni e 564 camion in via Ronche, nei due sensi di marcia: è la media giornaliera. Più berline e utilitarie (1.930 media giornaliera) di tir in direzione Fiaschetti: quelle misurata dal viacounter in via Sacile dai funzionari del Comune di Caneva. Otto giorni di rilevazioni 18 mesi fa. «La denuncia agli enti locali e Ass6 per la mancata tutela della salute pubblica in via Ronche è al vaglio del Codacons». Le tentano tutte, con l’ avvocato Margherita Cusin vertice dell’ associazione che difende cittadini-consumatori. La battaglia contro il traffico crea alleanza con i residenti a Fiaschetti, Pedemontana e va avanti. «Non ce la facciamo più a sostenere inquinamento e rischio sicurezza». Il “termometro” di Zilli ha contato nel senso di marcia verso il Giardino della Serenissima: 674 auto e 283 mezzi pesanti. Chi ingrana la marcia verso Fiaschetti, in media, rientra nella quota al 77% di automobilisti. L’ apice del traffico pesante è stato colto di giovedi, nelle fasce orarie di mezza mattina e dalle 14 alle 17. Con il limite di velocità di 70 km/h, le infrazioni sono una banalità annunciata. Il pressing sulla vivibilità, continua. «Abbiamo consegnato 190 firme anti-smog in Comune, che ha sollecitato l’ Arpa a misurare il tasso di inquinamento – Zilli riassume la richiesta di 210 giorni fa -. Dobbiamo aspettare marzo per avere il monitoraggio, ma servono autovelox – hanno concordato -. Oltre a una segnaletica chiara: di divieto di transito ai tir». I residenti di via Ronche e via Livenza si svegliano alle 5 di mattina. «Ci tirano giù dal letto i botti del passaggio dei Tir sui tombini – racconta Rita Toè -. Non si dorme e respiriamo aria ammalata». Il dossier di via Ronche è ricco. «Chiediamo – ha riassunto Zilli – subito la tutela della salute». Contro il traffico, lottano da 10 anni: hanno ottenuto un radiello che monitora il tasso di inquinamento dell’ aria di fronte a via Noncello. In 60 minuti, si contano anche 74 tir in transitoÈ.(c.b.) ©RIPRODUZIONE RISERVATA.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this