28 Maggio 2005

WRESTLING: VIETARE AI MINORI DI ANNI 14 LO SPETTACOLO DEL 4 GIUGNO A ROMA

    WRESTLING: IL CODACONS CHIEDE DI VIETARE AI MINORI DI ANNI 14 LO SPETTACOLO DEL 4 GIUGNO AL PALALOTTOMATICA DI ROMA ALTRO CHE SPETTACOLO! ALCUNI LOTTATORI CI HANNO RIMESSO LA PELLE E MOLTI BAMBINI SONO FINITI IN OSPEDALE IMITANDO IL WRESTLING

    DIFFIDA AL PREFETTO SERRA: IN CASO DI PROBLEMI PER I LOTTATORI O I BAMBINI PRESENTI SI AGIRA` PER I DANNI ALLA SICUREZZA CONTRO I RESPONSABILI









    Lo spettacolo di Wrestling al Palalottomatica di Roma, il prossimo 4 giugno, deve essere vietato ai minori di anni 14. Lo sostiene il Codacons, in vista dell?evento che attirerà migliaia di bambini da tutta Italia.

    Troppi i casi di emulazione da parte dei minori e, rivela oggi il Codacons, gli incidenti anche mortali avvenuti sui ring.

    Se infatti è opinione comune che i lottatori sono attori che non si procurano nemmeno un graffio, è meno noto che molti di essi hanno subito seri danni da questo sport, in alcuni casi rimettendoci la pelle. Solo per fare qualche esempio:



    – Dinamite Kid è rimasto paralizzato dalla cintola in giù;

    – Droz è finito su una sedia a rotelle;

    – Owen Hart perde la vita a causa di una caduta dall?alto, legato a una fune di acciaio;

    – in un incontro disputato a Lione in Colorado, Jim Anderson e Suzanne Carlson, in uno scontro, hanno riportato tutti e due la rottura composta dell?omero del braccio destro;

    – Ludvig Borga, in un atterraggio errato, si spezzò la caviglia lasciando il suo piede penzolante e la sua carriera distrutta;

    – Infortunio simile per Sid che ci rimise la gamba al posto della caviglia;

    – Paralisi iniziale e carriera distrutta per Hayabusa;

    – Per non parlare di una serie di morti infartuati giovanissimi: Crash Holly, Brian Pillman, British Bulldog, Bobby Duncum jr, Eddie Gilbert.



    E questi sono solo gli incidenti più noti e che hanno visto coinvolti personaggi conosciuti al grande pubblico. A questi si affiancano i casi di bambini che, per imitare le mosse dei lottatori del Wrestling, sono finiti in ospedale. Come il caso di un bimbo della Valsugana di 5 anni che è stato assalito da un compagno di giochi con il quale stava giocando al wrestling, o quello di Verona che ha visto coinvolto un bimbo di 12 anni, caduto a terra svenuto tramortito da un colpo di un amichetto.

    Il Codacons infine annuncia una diffida al Prefetto di Roma Achille Serra: qualora durante lo spettacolo del 4 giugno dovessero verificarsi problemi per i lottatori o per i bambini presenti si agirà contro i responsabili per i danni alla sicurezza.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox