13 Agosto 2012

Windjet,l’oradellarabbia centinaiadituristiaterra

Windjet,l’oradellarabbia
centinaiadituristiaterra

ROMA – Centinaia di passeggeri confusi, amareggiati, in alcuni casi arrabbiati. Dopo giorni di ritardi e disservizi a causa delle difficoltà in cui si dibatte la compagnia catanese, con lo stop dei voli deciso dai vertici di Windjet in tutti gli scali italiani, la situazione è precipitata e i turisti si rivolgono, preoccupati e spazientiti, ai banchi di altre compagnie per avere informazioni e cercare il primo volo utile per essere riprotetti. «Non sappiamo cosa dobbiamo fare – afferma un viaggiatore siciliano, diretto, con moglie e bambini, a Catania, con il volo Windjet soppresso delle 13.50 – abbiamo saputo nella tarda serata di ieri che c’ era il fermo totale. Siamo venuti stamattina in aeroporto e ci siamo rivolti ai banchi Alitalia: grazie alla compagnia di bandiera potremo ripartire stasera. Come siciliano sono molto dispiaciuto per lo stop della WindJet: ho sempre volato con questa compagnia e non avevo mai avuto problemi”. Gli fa eco un altro: «Stiamo cercando un’ alternativa con un’ altra compagnia ed intanto rischiamo di perdere un giorno di vacanza in Sicilia. Perché dobbiamo pagare poi un supplemento?». Proprio il supplemento chiesto ai passeggeri Windjet per la riprotezione sui voli di altre compagnie aeree è al centro delle polemiche, non solo dei viaggiatori ma anche delle associazioni dei consumatori. Il Codacons, per esempio, sta studiando la possibilità di una class action da parte dei viaggiatori che in questi giorni hanno subito la cancellazione del volo o pesanti ritardi e infinite attese presso gli aeroporti. «L’ unica strada percorribile e davvero efficace è quella di una azione risarcitoria collettiva», dice il presidente del Codacons, l’ avvocato Carlo Rienzi, il quale annuncia che si rivolgerà alla Procura di Roma, contestando il reato di truffa ad alcune compagnie per il rincaro delle tariffe nell’ attuare la riprotezione dei passeggeri. L’ associazione dei consumatori ha quantificato in 80-120 euro il supplemento che molti si troveranno a pagare. Dal canto loro le compagnie aeree assicurano di lavorare al massimo per riportare i passeggeri Windjet a destinazione: a partire da ieri e fino a quando sarà necessario, Alitalia effettuerà 20 voli speciali al giorno sulla Sicilia; già ieri ne aveva allestiti 8, 4 nazionali e 4 internazionali. Easyjet assicura ai passeggeri con biglietti Windjet tariffe fisse o agevolata per volare da ieri fino a venerdì 17 agosto incluso. Anche Blue Panorama ha annunciato iniziative ad hoc per gli sfortunati passeggeri coinvolti dal crac Windjet. Come previsto dal regolamento comunitario, i passeggeri Windjet costretti ad acquistare nuovi biglietti di altre compagnie per raggiungere le loro destinazioni, «hanno diritto al rimborso del sovraprezzo da parte della Windjet». Lo dice il presidente dell’ Enac Vito Riggio, il quale spiega che l’ accordo tariffario con le compagnie, per i voli nazionale, prevede un massimo di 80 euro. «Sui rimborsi – aggiunge Riggio – l’ Enac sarà rigorosa».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox