24 Giugno 2021

Voglia di mare senza l’incubo dei rincari aumenti fino al 16% solo al Lido di Venezia

Offerte multiple con ombrelloni e parcheggi, pacchetti familiari, promozioni per il weekend. Rincari? Pochi e in contesti limitati. Da Sottomarina fino a Bibione, passando per Jesolo e il Lido di Venezia, a spiccare è soprattutto la voglia di ripartire, di tornare in vacanza al mare, di passeggiare sulla sabbia e di tuffarsi nell’Adriatico. Dopo un 2020 all’insegna di incognite, ritardi e crollo del turismo, il litorale è partito a pieno regime per questo inizio di stagione estiva 2021.

Rispetto alle tariffe, se si guarda al contesto nazionale, secondo l’indagine condotta dal centro studi Ircaf, emerge che gli aumenti medi a giugno in Italia sono stati del 4,11% per il costo giornaliero e del 13,90% per quello settimanale rispetto allo stesso mese del 2020. Andando nel dettaglio la percezione è diverse nel nostro contesto metropolitano.

Tra gli stabilimenti presi in considerazione a campione, le tariffe sono pressoché invariate. Partendo da Jesolo, per un ombrellone e due lettini il listino dello stabilimento Consorzio Manzoni prevede 25 euro per una prima fila, 20 euro per una fila centrale, 15 euro per l’ultima fila. Nessun aumento rispetto al 2020. In più, con solo quattro euro in più è offerto anche il servizio parcheggio. Stesse tariffe anche allo stabilimento Aurora: 25, 18 e 15 euro rispettivamente per una prima, seconda e terza fila. Allo stabilimento Ponente è prevista anche una promozione da 10 euro valida di domenica per un’ultima fila.

Leggero aumento (5%) ad Eraclea Mare. Anche qui, un ombrellone e due lettini stanno a 20 euro allo stabilimento Mete per la prima fila (18 e 17 per la fila centrale e l’ultima), mentre a Eraclea Beach per la prima fila si sale a 22 euro (18 e 14 quella centrale e l’ultima). A Bibione nessuna variazione rispetto al 2020. Al lido est, piazzale Zenith, la tariffa giornaliera va dai 23 euro per la prima fila ai 18. Rispetto a Jesolo, sono previsti anche pacchetti settimanali per i vacanzieri: prima fila a 128 euro, ultima a 95,50. Lo stabilimento Shany, oltre alle tariffe giornaliere (28 euro in prima fila, 23 ultime due), prevede anche alcune promozioni: da 7 a 13 giorni sconto del 5% su tutti, da 14 giorni in poi sconto del 10%. Bibione offre poi una spiaggia completamente “smoke free”.

A Caorle un euro in più rispetto al 2020 è l’esigua variazione delle tariffe previste al Chiosco Havana, spiaggia di Levante. Con una prima fila tra i 20-22 euro, la tariffa settimanale sta sui 130-140 euro prime file, 100-115 ultime file. Nessun aumento invece all’Alga Marina di Porto Santa Margherita, un euro in più rispetto al 2020 invece all’Onda Azzurra (tariffa settimanale a 133 euro per la prima fila).

Pacchetti giornalieri più variegati sono invece offerti a Sottomarina, che raccoglie soprattutto turisti di giornata in arrivo dall’entroterra veneto. Qui i prezzi aumentano nei weekend. Ai Bagni Lungomare, ad esempio, un ombrellone maxi più due lettini in fila A sta a 23 euro nei giorni feriali, a 26 il sabato e a 27 la domenica. Sono previsti anche pacchetti giornalieri da 5 o 10 entrate: costano 110 o 180 euro, e prevedono un ingresso omaggi in piscina per due persone (dal lunedì al venerdì).

A Cavallino si va dai 13 euro per ombrellone e lettini oltre l’ottava fila, salendo a 15, 17 e 18 euro per una prima fila. Discorso a parte merita il Lido di Venezia. Da sempre spiaggia dei residenti in città storica, che prendono in affitto la capanna per l’intera stagione, gli aumenti si registrano soprattutto per gli ombrelloni (preferiti dai visitatori di giornata). Venezia Spiagge ad esempio offre un ombrellone in prima fila a 21 euro al giorno (+16% rispetto ai 18 euro del 2020). Aumenti superiori anche al 10%, ad esempio, negli stabilimenti ex Ciga (il dato del 2020 è però falsato dall’apertura ritardata al mese di luglio nel 2020). In molti casi, si parla di un +10% (un tucul al Des Bains viene 9.220 euro per la stagione). Numeri fuori portata rispetto al resto del litorale: nel 2020 il Codacons ha posizionato proprio l’Excelsior del Lido al primo posto delle spiagge più care. —

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox