fbpx
24 Agosto 2013

Vincono le facoltà anti crisi Boom: Ingegneria e medicina

Vincono le facoltà anti crisi Boom: Ingegneria e medicina

ROMA, 24 AGOSTO 2013 – IL SOGNO del camice bianco non passa mai di moda. Ma per molti si infrangerà contro lo scoglio del test di ingresso all’ Università di Medicina, in programma il 9 settembre e contro il quale il Codacons annuncia già un ricorso: «È una lotteria». Di sicuro il test sarà piuttosto… affollato visto che a tentare il tutto e per tutto saranno più di 84mila ragazzi, circa 18mila in più rispetto allo scorso anno. Soltanto uno su sette, tuttavia, potrà realizzare il sogno della vita. Perché i posti disponibili, come stabilisce il Ministero, quest’ anno sono 10.748 e soltanto 984 quelli per il corso di Odontodiatria. A tutti gli altri non resterà che tentare l’ anno prossimo. ANCHE perché gli studenti italiani, freschi di vacanze passate a tentare le simulazioni di ‘quiz’ e quizzoni sotto l’ ombrellone, non hanno un piano B, come svela un sondaggio di ScuolaZoo: o l’ università dei sogni, o nulla. Il 55% dei ragazzi dichiara infatti che se non dovesse passare il test ci riproverà l’ anno prossimo, mentre il 30% pensa di iscriversi a un altro corso di laurea per non perdere un anno. C’ è addirittura un 15% di coraggiosi che si dice pronto a mollare la carriera scolastica per lanciarsi a capofitto nel mondo del lavoro. D’ altra parte i ragazzi italiani lo sanno bene: sono finiti i tempi in cui ‘laureati’ faceva rima con ‘occupati’. E sarà anche per questo che negli anni la percentuale delle nuove matricole è andato via via calando. La cosa strana è che a fronte di un calo di nuovi studenti, le università italiane si scoprono sempre più a numero chiuso. Per l’ anno accademico che si sta per aprire si toccherà il 57,3% del totale dell’ offerta formativa: circa il 3% in più rispetto all’ anno scorso. SÌ PERCHÉ oltre ai corsi di laurea ad accesso programmato a livello nazionale (e che coinvolgeranno più di 114mila studenti) come appunto medicina, veterinaria, professioni sanitarie e architettura, sono sempre di più gli atenei che decidono di sbarrare gli ingressi anche per gli altri percorsi di studio. Ormai (dati sempre di AlmaLaurea), quasi 6 corsi di laurea su 10 prevedono questo ‘pass’. Che gli studenti sono pronti a pagare una media di 50 euro. Insomma, quello dei test diventa anche una strategia per reperire risorse e far fronte ai tagli che insidiano il pianeta università. TRA LE FACOLTÀ più gettonate c’ è sempre quella di Ingegneria: se solo nell’ anno accademico 2005/06 il numero degli immatricolati (35.237) era inferiore a quello dei corsi di Lettere e Filosofia, Giurisprudenza ed Economia e Commercio, nell’ anno accademico 2012-2013 gli immatricolati in Ingegneria (38.446) sono gli unici ancora a crescere e «sono superati in valori assoluti, di poco, solo da quelli in Economia e Commercio», spiega il presidente dell’ Ordine degli Ingegneri, Armando Zambrano. Ha perso invece appeal Architettura (in tre anni 4mila domande in meno): quest’ anno sono 19.580 i ragazzi che tenteranno il test d’ ingresso. Tra le facoltà non a numero chiuso tiene sempre Economia, da un po’ di anni in cima alla hit dei corsi più gettonati. di Maristella Carbonin Condividi l’ articolo.
maristella carbonin
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox