28 Gennaio 2009

“Videopoker, male da capire” Il sindaco Valduga accoglie l’invito del Codacons

 ROVERETO.  L’appello del Codacons, sollecitato da un giocatore compulsivo di videopoker, non è caduto nel vuoto. Il sindaco Guglielmo Valduga ha raccolto per ora l’invito ad attivarsi per capire il problema: quello delle molte persone, spesso anziane e pensionate, cadute vittime del gioco compulsivo, al punto da ridursi in breve in povertà. secondo l?organizzazione mondiale della sanità, la dipendenza da slot machine è una vera malattia e il gioco, con la promessa di una lauta vincita (quasi sempre vanificata dal software che governa il funzionamento del videopoker) crea una dipendenza paragonabile a quella da oppiacei.  Molti roveretani, secondo il Codacons, soffrirebbero di questa malattia, ma tacciono per vergogna.  Valduga, al quale il Codacons chiede di porre – come garante della salute dei cittadini – dei "disclaimer" sui videopoker (tipo "attenzione, questo gioco può produrre dipendenza", accompagnato da un numero verde per l’assistenza psicologico), ha così spiegato: «Prendo atto dell’accorato appello del Codacons, e comprendo che il problema ha un fondamento di serietà. Mi riprometto di verificare al più presto quale sia il mio margine di intervento, alla luce degli strumenti normativi attuali».
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this