30 Luglio 2008

Vicenza: via libera alla base americana



DA UDINE
V ia ai lavori per l’ampliamento della base americana di Vicenza. Lo ha dato il Consiglio di Stato, su ricorso della presidenza del Consiglio e del Ministero della difesa, bocciando la sentenza del Tar del Veneto che bloccava il cantiere. Ma i Comitati del Presidio permanente anticipano che a settembre scenderanno di nuovo in campo per bloccare i lavori. Almeno per un mese, finché non si pronunceranno i vicentini attraverso il referendum che il Comune sta organizzando. «Il consenso prestato dal Governo italiano all’ampliamento dell’insediamento militare americano all’interno dell’Aeroporto Dal Molin è un atto politico, come tale insindacabile dal giudice amministrativo, secondo un tradizionale principio sancito dall’art. 31 del testo unico delle leggi sul Consiglio di Stato». Così si è pronunciata la quarta sezione del Consiglio di Stato, ribaltando la decisione dei giudici del Tar che avevano ritenuto fondati i motivi del ricorso presentato nel settembre 2007 dal Codacons del Veneto e dall’E- coistituto Alex Langer di Mestre. Nell’ordinanza del Tar si sottolineava che «nessuna traccia documentale di supporto è stata riscontrata » sull’atto di consenso «presentato dal Governo italiano a quello degli Stati Uniti, espresso verbalmente nelle forme e nelle sedi istituzionali». Il nullaosta del Ministero della Difesa, spiega il Consiglio di Stato «si inquadra nella procedura appositamente prevista per le attività a finanziamento diretto statunitense (secondo quanto previsto dall’accordo bilaterale Italia – Usa) la cui realizzazione è demandata ad una apposita Commissione mista costruzioni (CMC). «Per Vicenza non cambia nulla e i suoi cittadini – dice il sindaco Achille Variati – si esprimeranno a ottobre. Non commento gli atti giudiziari, ma credo che da oggi siano gli americani a trovarsi nella situazione più difficile, tra uno Stato che dice `Avanti tutta` e una città, che ora chiede di aspettare per permetterle di esprimersi ». E mentre i Comitati No Dal Molin parlano di «sentenza politica » e annunciano nuove proteste (la prima già ieri sera), il governatore del veneto, Giancarlo Galan, conclude: «Evviva il Consiglio di Stato e abbasso l’odioso fanatismo antiamericano di chi a Vicenza ha imboccato una pessima strada per fortuna rifiutata sia dalla sinistra riformista che dal Popolo della Liberta ».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox