11 Marzo 2014

VICENDA ROCCARASO: UN MORTO INNOCENTE UCCISO DA PERSONE CATTIVE, ”UNA BANDA” COME FU DEFINITA DAL PG DELLA CORTE DI CASSAZIONE

    VICENDA ROCCARASO: UN MORTO INNOCENTE UCCISO DA PERSONE CATTIVE, ”UNA BANDA” COME FU DEFINITA DAL PG DELLA CORTE DI CASSAZIONE 

    SU QUESTI ASSASSINI CADA LA MALEDIZIONE DELLE PERSONE PER BENE

    Si chiude senza condanne e definitivamente la vicenda giudiziaria sul caso Roccaraso. Il funzionario dell’Ufficio Tecnico del Comune di Roccaraso, geometra Evaldo Oddis difeso dagli avv. Michele Lioi del foro di Roma, e Walter Putaturo del foro di Pescara, imputato per aver annullato le concessioni edilizie in sanatoria precedentemente rilasciate per il fabbricato ex Edilmonte, è stato assolto il 27 febbraio scorso dai giudici della Corte di Appello de L’Aquila, perché il fatto non costituisce reato. 
    Una maxi inchiesta sfociata nel nulla – denuncia il Codacons – che è costata allo Stato milioni di euro in intercettazioni, stipendi di tutti gli agenti di PG e per la schiera di magistrati che si sono dovuti occupare del caso, per più di dieci anni.
    Indagini iniziate a seguito di denunce di un  costruttore pescarese, e di oppositori politici del sindaco Camillo Valentini, che hanno avuto come esito l’eliminazione dell’avversario, anzi del nemico politico, morto suicida in carcere.
    Vogliamo chiudere con una affermazione più volte ripetuta in questi giorni da Papa Francesco: ” LE CHIACCHIERE E LE MALEDICENZE UCCIDONO”
    Roccaraso ne è stato il simbolo, Camillo Valentini la vittima, ucciso da quella che lo stesso PG della Corte di Cassazione definì “una banda”, persone di una cattiveria disumana sulle quali ricadrà la maledizione di tutti i cittadini per bene. 
    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox