19 Luglio 2013

Viareggio, in 33 a giudizio C’ è anche l’ ad delle Ferrovie

Viareggio, in 33 a giudizio C’ è anche l’ ad delle Ferrovie

 

 

LUCCA – Ci sono tutti. Trentatré, per l’ esattezza. Funzionari e tecnici, manager e dipendenti, uomini che lavorarono alla sicurezza e all’ efficienza di quei vagoni o di quella rete ferroviaria. E c’ è lui, Mario Moretti, amministratore delegato di Ferrovie, cavaliere del lavoro, super manager, che sempre aveva respinto con sdegno ogni accusa. Tutti rinviati a giudizio con ipotesi di reato gravissime se pur con diverse posizioni processuali: dal disastro ferroviario colposo all’ incendio colposo, dall’ omicidio e lesioni colpose plurime alle violazioni delle norme sulla sicurezza. Il primo capitolo sulla strage di Viareggio, la notte del 29 giugno del 2009, si è chiuso ieri a Lucca davanti ai familiari delle trentadue vittime ancora una volta in corteo con le immagini dei loro cari. Il treno merci 50325 Trecate-Gricignano deragliò alle 23.48 e il gas gpl che fuoriuscì da una cisterna a contatto con l’ ossigeno esplose inghiottendo quattordici persone. Altre diciotto sarebbero morte nelle ore, nei giorni e nei mesi successivi. Daniela Rombi vegliò per 41 giorni da un vetro del centro grande ustionati la figlia Emanuela di 20 anni e quando l’ agonia fu terminata giurò davanti a quel corpo martoriato che verità e giustizia sarebbero state fatte. Così come Iby, la ragazza marocchina che quella notte ha perso i genitori, il fratello e la sorella: «Voglio giustizia, non vendetta». I familiari delle vittime ieri hanno pianto e sorriso. Il primo a dar loro la notizia è stato Riccardo Antonini, il ferroviere licenziato da Ferrovie dopo aver deciso di fare il consulente di parte per i familiari delle vittime. «Adesso Moretti si dimetta», hanno chiesto i familiari e lo stesso ha fatto il Codacons, mentre il vice sindaco di Viareggio, Gloria Puccetti, ha proposto che a Moretti sia tolto il cavalierato. L’ ad di Ferrovie non ha voluto commentare; lo hanno fatto i suoi legali. «Confido che il processo potrà diradare i dubbi, quelli che hanno fatto prevalere la scelta dibattimentale – ha detto l’ avvocato Armando D’ Apote -. L’ accusa si basa anche su una serie di questioni tecniche, come la velocità o le barriere protettive che, nel dubbio, il gup ha ritenuto opportuno vengano chiarite in dibattimento. Noi dubbi non ne abbiamo». E sulle richieste di dimissioni, il legale ha spiegato che essendo i reati di natura colposa «formalmente non ci sono ripercussioni sull’ incarico di Moretti». Ma quali sono i punti ancora da chiarire? Sostanzialmente due: se lo squarcio sulla cisterna e la fuoriuscita con la conseguente esplosione fu provocato da un picchetto (un sistema di regolazione delle curve, dal margine tagliente) come stabilito dai tecnici della commissione ministeriale la cui relazione è stata recepita ieri dal gup, oppure, come sostengono i periti del gip e i tecnici delle Ferrovie, da un elemento dello scambio. Il processo si apre il 13 novembre. Marco Gasperetti MarcoGasperetti RIPRODUZIONE RISERVATA.

marco gasperetti

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox