16 luglio 2017

Viaggio da incubo “Stipati come bestie”

«Un calvario. Una via crucis». Giuseppina Florio, 74 anni, non usa mezzi termini per descrivere il viaggio sull’ Eurostar Lecce-Torino di venerdì. Era tra le decine di passeggeri rimasti bloccati, per ore, a San Benedetto del Tronto. Il treno era atteso a Porta Nuova alle 21,40 ed invece è arrivato alle 3,30 del mattino. Dopo mille peripezie e due cambi: uno nelle Marche e uno a Milano. «Valuteremo una richiesta di risarcimento danni perché l’ inadempimento è stato gravissimo e valuteremo anche un esposto in Procura per l’ assoluta mancanza di assistenza agli utenti», tuona l’ avvocato Tiziana Sorriento, vicepresidente del Codacons nazionale. Anche lei ha vissuto quella che definisce una vera e propria «odissea». [i.f.]