26 Giugno 2010

Viaggio con “sorpresa”

CIVIDALE – (Pt) Si è aperto nei giorni scorsi innanzi al Tribunale di Cividale, ed è stato subito rinviato al 2 novembre, il procedimento penale a carico di Renè Coradazzi, 39 anni, di Reana, che deve rispondere del reato di tentata truffa per fatti che si riferiscono al 2008. Allora l’ uomo era responsabile dell’ agenzia di viaggi "Cuarto palmas" di Tricesimo. Ed era presso il suo ufficio che un gruppo di 9 ragazzi di Udine s’ era rivolto per prenotare una gita a Barcellona, città dove volevano trascorrere Capodanno. Era stata scelta una formula di 5 giorni, comprensiva di volo aereo andata e ritorno da Venezia, con pernottamento in albergo, per un prezzo complessivo di 2.844 euro. Peccato, però, che sull’ elenco dei passeggeri in partenza per la città spagnola il 28 dicembre non vi fosse traccia dei loro nomi. Persa la speranza, il gruppo è rientrato a casa e, il giorno successivo, s’ è recato presso l’ agenzia di viaggio. Secondo l’ accusa, Coradazzi, scusandosi per l’ accaduto, ha assicurato la restituzione di quanto incassato entro il 31 dicembre ma così non è stato: i ragazzi, infatti, tornati a Tricesimo, hanno trovato l’ agenzia chiusa. Anzi, completamente smantellata. Irreperibile il titolare, anche al telefono. La cessazione dell’ attività, tra l’ altro, non era stata comunicata alla Regione, come previsto per legge. A seguire la vicenda, adesso, per 6 dei 9 ragazzi che si sono costituiti parte civile nel procedimento, è il Codacons friulano nelle persone degli avvocati Vitto Claut e Nicola d’ Andrea, rispettivamente presidente regionale e provinciale dell’ associazione di tutela del consumatore. (Sabato 26 Giugno 2010)

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox