12 Aprile 2007

Verso la fine l`odissea dei veronesi alle Maldive

Dopo quarantotto ore, è finita l`odissea per quasi 400 turisti italiani bloccati da ieri l`altro all`aeroporto di Malè, alle Maldive, per un guasto tecnico all`aereo della compagnia Eurofly. I primi 250 sono rimpatriati nella serata di martedì; altri sessanta sono arrivati a Roma ieri. I restanti sono riusciti a partire con altre destinazioni o sono stati riprotetti sul volo di un`altra compagnia. I turisti che dovevano atterrare al Catullo sono arrivati a Roma la notte scorsa dopo mezzanotte e sono ripartiti per Verona stamattina alle cinque. Il console italiano e la compagnia aerea si sono adoperati per fornire ai passeggeri tutta l`assistenza di cui avevano bisogno, ma “c`è stato un momento – ha detto un turista – in cui l`aeroporto si era trasformato in un bivacco incredibile. Quando torneremo a casa faremo denuncia“. “Nessuna assistenza“, protesta una turista che minaccia di farsi arrestare. Il console onorario Giorgia Marazzi, in contatto con la Farnesina, è andata in aeroporto per parlare con i connazionali, ma anche nei suoi confronti ci sono stati momenti di tensione. Il caposcalo di Eurofly, Hussain Shareef – racconta una viaggiatrice – si è limitato “a chiederci di metterci bene in fila altrimenti non avrebbe aperto il check-in“. C`è anche una coppia esperta in simili disagi: “Nel marzo scorso siamo rimasti per 36 ore in aeroporto aspettando un volo Eurofly. Questa volta avevamo scelto un`altra compagnia, ma l`agenzia di viaggi ci ha dato questo volo“. I passeggeri, secondo il Codacons potranno chiedere dinanzi al giudice di pace il risarcimento danni per le ore di attesa, i ritardi e lo stress patito. I legali di Codacons sono a loro disposizione per fornire consulenza e assistenza, al numero 892007.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this