17 Gennaio 2018

Veneto Banca, i soci chiedono i danni a Intesa

in udienza preliminare chiesta la citazione anche di bankitalia e consob. bpvi, in 130 contro kpmg
VENEZIA Il Giudice dell’ udienza preliminare di Roma Luca Ferri deciderà nei prossimi giorni se accogliere la citazione come responsabili civili di Banca d’ Italia e Consob chiesta dai difensori di parte civile nel processo contro i vertici di Veneto Banca. Intanto, sul fronte Bpvi circa 130 risparmiatori «traditi» hanno aderito a un percorso suggerito da una serie di associazioni di consumatori che potrebbe portare a un’ azione legale contro la società di revisione Kpmg, accusata di aver ratificato bilanci della banca risultati in seguito inattendibili. Sono i due aggiornamenti di ieri sul fronte legale delle ex popolari, nel tentativo dei vecchi soci di ottenere risarcimenti. Rispetto al procedimento in udienza preliminare a Roma contro l’ ex amministratore delegato dell’ istituto di Montebelluna, Vincenzo Consoli, l’ ex presidente Flavio Trinca e un’ altra decina di manager, il Gup ha nel frattempo ammesso circa 3.600 parti civili tra cui anche Codacons, Adusbef e Confconsumatori. Il Movimento consumatori si è spinto oltre, chiedendo sia citato anche Intesa Sanpaolo «quale cessionario dei diritti e degli obblighi (in questo caso risarcitori) maturati dai soggetti danneggiati dai reati nei confronti di Veneto Banca, ora in liquidazione». Un passo clamoroso, visto che il decreto di liquidazione di giugno escludeva in qualsiasi modo di potersi rivalere su Intesa. E quello che l’ avvocato Francesco Compagna, difensore di alcuni risparmiatori, sta sollevando di fatto è una illegittimità costituzionale dello stesso decreto, perché «una specifica categoria di debitori, che avrebbe avuto semmai diritto ad una tutela rafforzata e non certo attenuta, si è vista negare anche la possibilità di far valere le proprie ragioni secondo i principi generali dell’ ordinamento». Alla richiesta di aggregare anche Bankitalia e Consob la Procura ha espresso parere negativo. Per i risparmiatori di Popolare di Vicenza, intanto, si apre una via che consiste in prima battuta nell’ incaricare uno studio di consulenza di elevato profilo di valutare le possibilità di successo di un eventuale contenzioso giudiziario contro Kpmg. Se ne parlerà anche venerdì sera e sabato mattina, a Vicenza (cinema San Marco) e a Montebelluna (centro Bachelet) in altrettanti incontri nei quali si darà anche conto del vertice fra le associazioni e il sottosegretario Pier Paolo Baretta previsto oggi pomeriggio a Roma. L’ appuntamento è convocato per definire i criteri con cui stilare il decreto attuativo della legge per il Fondo di ristoro da 100 milioni.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox