11 Dicembre 2007

Veltroni-tassisti, accordo fatto

Sette ore di riunione con cinque sigle, poi il via libera: sì ai rincari e al “supplemento Termini“ ma più auto e sconti a donne sole Veltroni-tassisti, accordo fatto Entro Natale corse più care del 18%, a giugno 250 nuove licenze Il costo di chiamata avrà un importo certo sul tassametro, indicato dalla centrale Riduzioni per chi deve raggiungere un ospedale Il Codacons: “Rincari folli, andremo al Tar“ GABRIELE ISMAN Tre ore di riunione a porte chiuse nella Sala delle Bandiere e, finalmente, l`accordo sui taxi, con qualche novità “per dare certezze agli utenti“ come ha spiegato il sindaco Veltroni alla fine della riunione con i sindacalisti delle auto bianche che, a differenza degli oltranzisti capitanati da Loreno Bittarelli, hanno accettato la convocazione in Campidoglio: Unica Taxi della Cgil, Cisl, Uil, Cna e Ugl, con il segretario di quest`ultima, Pietro Marinelli, che ha firmato solo dopo un direttivo convocato d`urgenza in piazza del Campidoglio e proseguito fino a sera. Non solo quindi l`aumento del 18% delle tariffe – effettivo “prima di Natale“ dice l`assessore alla Mobilità Mauro Calamante – le 500 nuove licenze – metà a giugno prossimo, metà un anno dopo – sconti del 10% per donne sole tra le 21 e l`1 del mattino e verso gli ospedali, 2 euro di supplementi per le corse da Termini (ma sparisce l`addizionale per il primo bagaglio), la novità è il “diritto di chiamata“ con costi certi. “Quando si chiamerà un taxi entro il Gra, arriverà con una cifra fissa e la centrale dovrà indicarla all`utente, con i minuti dell`attesa e il numero della vettura in arrivo“ spiega il sindaco. Ovvero: oltre alla cifra di partenza del tassametro (che dagli attuali 2.33 euro salirà a 2.80 per via dell`aumento), 2 euro se il taxi arriva entro 5 minuti, 4 se l`attesa è tra i 5 e i 10 minuti, 6 oltre i 10 minuti. Il Campidoglio preannuncia la linea dura per gli Ncc, le auto a noleggio con conducente, “perché i tassisti – è ancora Veltroni a parlare – hanno ragione: che vi siano Comuni che rilasciano decine di licenze per persone che vengono poi a Roma non va bene“. Ecco dunque i colloqui con la Regione e i controlli sul licenze, contratti e auto degli Ncc. No a ulteriori turni di servizio a Termini: “La situazione alla stazione è migliorata nelle ultime settimane. L`offerta comincia a essere adeguata“. Resta la tariffa 2 oltre il Gra, “ma dovrà essere chiaro quando entra in funzione, e bisogna lavorare – dice Veltroni – sulla tariffa progressiva“. E se le 500 licenze non bastassero a migliorare la situazione? “Ci saranno turni integrativi, come prevede il decreto Bersani. Queste 500 saranno le ultime della consiliatura“. è un sindaco soddisfatto quello che annuncia l`accordo: “Non c`è nessun`altra città che abbia incrementato i taxi del 35%“. E così, a giugno 2009, Roma avrà 7.871 taxi: 2 mila le licenze rilasciate dal 2001. Le nuove vanno a chi aveva partecipato al concorso del settembre 2005 ed era risultato idoneo. “Cinquecento licenze per 500 ragazzi alla loro prima esperienza lavorativa, con forze nuove che saranno valutate anche per le lingue che conoscono e il titolo di studio“. Esaurite le licenze, potrebbero arrivare altre novità: “Per la prima volta – dice Veltroni – ho notato una minore resistenza a discutere di Gps e numero unico“. Eppure sono passati appena 11 giorni dalla grande rottura delle trattative, con i taxi a invadere piazza Venezia e a paralizzare tutto il Centro: “La nostra tenuta rigida – ha commentato Veltroni – ha modificato il clima. Difendo la categoria dei tassisti per bene, non quelli che chiedono ai turisti più soldi, che non prendono le corse se la zona non è di loro gradimento. Sono poco disposto ad ascoltare chi, per motivi politici, strumentalizza l`intera categoria“. E il Codacons annuncia ricorsi al Tar per gli aumenti, giudicandoli “folli“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox