4 Aprile 2007

«Varchi videosorvegliati, multe insindacabili»

«Varchi videosorvegliati, multe insindacabili»

Annullata da un Giudice di Pace di Salerno una multa per la non adeguata indicazione dell?impianto di videosorveglianza per la zona a traffico limitato del centro storico di Salerno. Un precedente che può creare un filone pericoloso e una pioggia di ricorsi ai danni dell?amministrazione comunale. Il comandante dei vigili urbani, Giancarlo Correale, blocca sul nascere la situazione. «Una sentenza su basi infondate, andrò personalmente dal coordinatore dei giudici di Pace di Salerno per farmi spiegare le motivazioni. Anche se si tratta di un solo caso ci rivolgeremo alla corte di Cassazione proprio per non creare precedenti». L?amministrazione comunale è tranquilla, non teme di trovarsi di fronte valanghe di ricorsi per multe illegitime relative alla zone a traffico limitato dal centro storico. Il comandante Correale precisa. «Potranno arrivare anche i ricorsi, chi si rivolgerà al giudice di Pace troverà di fronte un muro. Noi siamo perfettamente in regola. I due varchi del centro storico, San Michele e Antica Corte, sono adeguatamente segnalati da un cartello. Le telecamere sono segnalate e il problema della privacy non esiste perchè la telecamera rivela solo il numero delle targhe». Incassa e rilancia il comandante. «Il sistema delle telecamere di videosorveglianza funziona e sta limitando il problema della circolazione nelle zone a traffico a limitato. Anzi annuncio che sono già pronte altre tre telecamere che verranno installate in altre zone di accesso al centro storico che verrà così completamente chiuso alle autovetture». Di diverso avviso gli automobilisti, i salernitani che hanno ricevuto multe per aver attraversato la zona a traffico limitato. Il Codacons è pronto per quest?altra controversia. Raffaella D?Angelo precisa. «Non è vero che il sistema di videosorveglianza è in regola. Ai due varchi di accesso al centro storico non c?è un?adeguata segnalazione, te ne accorgi quando praticamente stai già oltrepassando la zona off limits. Faccio un esempio, quando sull?autostrada troverai gli autovelox che rivelano la velocità sei avvisato molto prima con i cartelli». Il Codacons però consiglia la strada da seguire. Sconsigliati in prima istanza i ricorsi ai Giudici di Pace, meglio seguire un altro iter. «L?amministrazione comunale è in posizione irregolare, questo è evidente. Tutti coloro che riceveranno verbali per aver attraversato zone a traffico limitato potranno rivolgersi proprio alla polizia municipale per l?annullamento della multa. Se prima della scadenza dei termini ciò non avvenisse allora si potrebbe intraprendere la strada dei ricorsi», suggerisce l?avvocato D?Angelo del Codacons. Conti alla mano c?è una bella grana in vista per l?amministrazione comunale. Si prennunciano infatti centomila verbali per multe relative alle zona a traffico limitato. Tra ricorsi al giudice di Pace e richiesta di annullamento multe il problema assumerà vaste dimensioni. A meno che gli automobilisti decidano di desistere.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox