fbpx
18 Settembre 2018

Vandali, il Codacons sprona il Comune: «Più controlli»

il sodalizio invia una diffida all’ amministrazione: «servono telecamere nelle zone più a rischio per prevenire futuri danni»
DESIO (mls) Il Codacons scende in campo contro i vandalismi e bacchetta il Comune. Dopo gli ultimi episodi di teppismo a Desio, l’ associazione consumatori sprona infatti l’ Amministrazione: «Servono più controlli e un sistema di sicurezza per prevenire futuri danni». L’ iniziativa del Codacons prende le mosse dall’ ondata di vandalismo avvenuta a inizio mese tra le vie Volta e Tarra, dove ignoti hanno bruciato un bidone per i rifiuti e distrutti altri quattro cestini. «Oltre a distruggere i cestini nelle vie in questione, hanno poi abbandonato l’ immondizia per la strada, lasciando le vie in pessime condizioni – sottolinea il Codacons – La mattina successiva dunque gli operatori ecologici hanno dovuto provvedere alla pulizia delle strade». A preoccupare l’ associazioni non è solo l’ episodio in sé, ma quanto il ripetersi di fenomeni di teppismo in città che potevano creare potenziali pericoli per i cittadini. «Ciò che appare più preoccupante della vicenda in esame è che tali gesta sconsiderate non sono nuove a Desio – spiegano i referenti dell’ associazione – Infatti verso la fine del luglio scorso erano stati posti in essere altri vandalismi ai danni della via Lombardia e della via Alfieri, i quali erano consistiti nel dare fuoco a sacchi di rifiuti. Insomma atti TEPPISTI IN AZIONE I cestini divelti in via Tarra e via Volta: non è la prima volta che i vandali colpiscono in zona che oltre a creare disagi ai residenti possono sfociare in conseguenze più gravi. La combustione infatti poteva provocare ripercussioni che sui residenti, dovuti ai fumi emessi dal cestino dato alle fiamme». Il Codacons a questo punto chiede all’ A m m i n is t r a z i o n e provvedimenti urgenti, mettendo in campo anche la tecnologia per fermare i vandali. «E’ una situazione che necessita di un intervento da an parte delle autorità – conclude l’ associazione consumatori – Sarebbero pertanto necessari maggiori controlli, nonché l’ installazione di telecamere di sorveglianza nelle zone più a rischio. Per queste ragioni invieremo una diffida al sindaco chiedendo oltre ad un aumento dei presidi nelle strade anche un sistema di sicurezza che permetta una eventuale facile individuazione dei vandali, in modo da porre fine al problema». Stefano Maroli.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox