22 Agosto 2007

Vacanze da incubo Più di duemila denunce

Vacanze da incubo Più di duemila denunce
In aumento smarrimento di bagagli e truffe via internet

C`È ANCHE CHI ha chiesto un hotel sulla spiaggia e, una volta in Zanzibar, ha trovato l`hotel, ha trovato la spiaggia ma non ha trovato il mare: causa vicinanza di un`industria che lavora alghe, in quel tratto, non ci si poteva fare il bagno. Solo uno delle segnalazioni giunte alle associazioni dei consumatori di Milano. Tra Telefono Blu e Codacons, sono 2300 le denunce di vacanza rovinata targate Milano, il 46 per cento di quelle ricevute in tutta la Lombardia. Due i disservizi in netto aumento rispetto all`estate scorsa: la percentuale di segnalazioni di smarrimento bagagli negli aeroporti ricevute dalle associazioni dei consumatori è passata dal 13 per cento del 2006 al 18 per cento del 2007. Le chiamate ai centralini per protestare contro pacchetti viaggio-truffa prenotati su internet sono invece cresciute del 2 per cento: dal 25 per cento del 2006 al 27 del 2007. Le mete turistiche che più hanno deluso, stando alle segnalazioni, i milanesi sono il Mar Rosso (Sharm El Sheik in testa), le Baleari (Ibiza e Maiorca) e le isole greche (Creta in particolare). Solo il 6 per cento ha protestato per i prezzi troppo alti. SEGUONO GLI ESPOSTI per la qualità del servizio ricevuto: il 21 per cento del totale. La casistica è varia. A Sharm El Sheik e in altre località del Mar Rosso è capitato che i turisti venissero alloggiati in villaggi ancora in costruzione. A Ibiza, Maiorca e sulle altre isole Baleari è capitato che, contrariamente a quanto promesso dalle agenzie di viaggio, l`hotel non fosse vicino al mare. Nel migliore dei casi, il milanese in vacanza, ha potuto usufruire di bus navetta in grado di raggiungere la spiaggia nel giro di mezz`ora o quaranta minuti. Nel peggiore dei casi, ci si doveva affidare al taxi: al Codacons è arrivata la segnalazione di un vacanziere che, proprio alle Baleatri, è stato costretto a spendere 60 euro al giorno di taxi. Il 15 per cento dei milanesi ha trovato poco accoglienti le città in cui ha deciso di passare le vacanze. DA GRECIA e isole, Creta su tutte, i milanesi segnalano il problema o il raggiro del primo giorno di soggiorno o un cambio di destinazione non previsto. In alcuni alberghi i vacanzieri non hanno trovato la camera pronta al loro arrivo, perché giunti troppo tardi o in anticipo. Nonostante avessero indicato l`ora di approdo in terra greca al momento della prenotazione, alcune strutture si sono fatte trovare impreparate, hanno dirottato i vacanzieri verso altre sistemazioni esigendo comunque che il primo giorno fosse pagato. Peggio è andata a quanti hanno prenotato un hotel a cinque o quattro stelle, e, in Grecia e sul Mar Rosso, una volta entrati, bagagli in mano, in albergo si sono sentiti rispondere: “Tutto pieno, vi abbiamo riservato una stanza in un`altra struttura“. Spesso con tre o due stelle in meno di quelle desiderate e, soprattutto, pagate. Posto che via, disservizio che trovi. Tutto lavoro per le associazioni dei consumatori.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox