16 Agosto 2021

Vacanza 2021, costa 100 euro in più, rincari di carburanti, aerei, navi, ombrelloni, panini al bar, tutto costa

Sei in vacanza? Ti costa 100 euro in più dell’anno scorso. Parola di Codacons. È un classico di Ferragosto. Nel mirino dei rincari stavolta sono finite due icone delle nostre ferie: benzina e ombrellone. Aumenti indigesti, dolorosi, scriteriati.
Anche Assoutenti va giù dura:” È una speculazione sulle vacanze degli italiani. Draghi fai qualcosa!”. L’aumento dei carburanti è il più comodo, facile, sicuro,immediato. Successo garantito (per i petrolieri). E chi si tira indietro? La prenotazione è fatta, ci aspettano tutti, i figli sono carichi a pallettoni, le valigie pronte da giorni, cane e gatto sistemati in pensione, le finestre chiuse, la corrente staccata, gli allarmi inseriti. No, indietro non si torna. Avanti Savoia, come tuonava la regina Margherita.
L’ avevamo in qualche misura messo in conto. Messi è finito a Parigi, il principe arabo deve “rientrare“, i milioni versati alla pulce argentina hanno svuotato i pozzi migliori, ed allora che si fa?

Mica dobbiamo consultare la casalinga di Voghera, che Allah l’abbia in gloria. Morale: la benzina ha registrato il record ( + 18,6% ) e il gasolio è aumentato del 17,6%. Un pieno costerà 13 euro in più dell’anno scorso. Nell”arco di un solo anno sono + 312 euro a famiglia. Sentita al bar: tutta colpa del lockdown. Nessuno girava, le auto stavano in garage, i benzinai con le mani in mano. Ora con questa stangata recuperano. “Situazione inaccettabile”, dicono in coro le Associazioni che difendono come possono i consumatori.
In vacanza a peso d’oro

Rimanendo in tema trasporti va detto che anche viaggiare in aereo in vacanza è diventato più costoso. Le Associazioni hanno calcolato un + 17%. A pesare di più è il prezzo delle tariffe base verso le più gettonate destinazioni turistiche. Ma anche i servizi connessi ai voli costano di più. Ad esempio il trasporto bagagli. Idem per i viaggi in mare, un buon 18% in più.

E gli stabilimenti balneari? Ovunque si registrano rincari del 5% per l’affitto giornaliero di un ombrellone. Ma sulla costiera amalfitana si parla di un 40% in più. Sardegna e Versilia si accontentano di meno. Quanto a bar e ristoranti il rincaro è del 2% con picchi del 10%. Insomma si spende di più e non si protesta più di tanto. Per le vacanze questo ed altro. Ma fino a quando ?

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox