24 Aprile 2010

Va in scena in tribunale a Torino la prima class action italiana

 

TORINO – Va in scena in tribunale a Torino la prima class action italiana, intentata dal Codacons nei confronti dell’ istituto bancario Intesa Sanpaolo. Oggetto del contendere sono le commissioni applicate ai correntisti, giudicate illecite dall’ associazione di consumatori e dal pubblico ministero Raffaele Guariniello, che sostiene l’ accusa, in particolare dopo alcuni rilievi effettuati dall’ autorit antitrust. Ieri mattina doveva essere valutata, in camera di consiglio, l’ ammissibilit dell’ azione legale, promossa per ora dal solo presidente del Codacons, l’ avvocato Carlo Rienzi, cui in seguito potranno associarsi migliaia di consumatori che hanno aderito sul sito dell’ associazione. Una causa analoga, promossa sempre dal Codacons ma contro la Unicredit, inizier a breve a Roma. Ma il tribunale presieduto dal giudice Luciano Panzani ha deciso di rinviare l’ udienza al 27 maggio per consentire a Intesa di presentare una memoria difensiva, pronunciandosi in quella data sull’ ammissibilit della causa e sulla pubblicit del dibattimento chiesta da Rienzi. A margine del rinvio, il giudice Panzani ha per auspicato un accordo tra le parti che preveda il ritiro della class action in cambio della cancellazione delle clausole ritenute vessatorie. Possibilista Rienzi: Possiamo pensare a una conciliazione – ha detto – se le banche le eliminano e danno un risarcimento simbolico ai correntisti. Anche un solo euro a testa farebbe una cifra di tutto rispetto, circa 10 milioni.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox