20 Ottobre 2001

USARE IL TELEFONINO SOLO IN CASO DI EMERGENZA!!!

    QUESTO IL GRIDO D?ALLARME LANCIATO DAGLI SCIENZIATI DI TUTTO IL MONDO AL SECONDO CONVEGNO INTERNAZIONALE SULL?ELETTROSMOG IL GOVERNO A LACCO AMENO DI ISCHIA SI IMPEGNA A SENTIRE TUTTE LE VOCI DELLA COMUNITA? SCIENTIFICA PRIMA DI ADOTTARE DECRETI SUI LIMITI MASSIMI DI ESPOSIZIONE

    ASSENTI I RAPPRESENTANTI DELL?ISS

    Dal Secondo Convegno Internazionale sull?elettrosmog, tenutosi oggi a Lacco Ameno d?Ischia, sono emerse delle rivelazioni sugli effetti dei telefoni cellulari sulla salute umana che hanno suscitato scalpore. Fiorenzo Marinelli, ricercatore del CNR di Bologna, ha reso noti i risultati di alcuni recenti studi che hanno dimostrato inequivocabilmente come le onde elettromagnetiche emesse dai telefonini siano nocive per la salute.. Tra le varie conclusioni raggiunte sulla base di oltre 20 ricerche internazionali, hanno suscitato interesse quelle del ricercatore HARDELL, realizzate nel 200, il quale ha evidenziato come il fattore rischio di tumore al cervello derivante da campi elettromagnetici, sia pari a 2.6; in parole povere, una persona che usa il telefonino, avrebbe oltre il doppio delle possibilità di ammalarsi di melanoma rispetto a chi non ne fa alcun uso. In una ricerca recentissima, del 2001, JOHANSON ha poi rivelato il rapporto dose-risposta tra uso del cellulare e malattia: ha dimostrato cioè come l?entità del tumore sia più grave quanto più elevato è il campo elettromagnetico al quale è sottoposto il cervello umano. Un dato preoccupante è stato poi rilevato dallo studio STANG, sempre nel 2001; il fattore di rischio di tumore alla retina è addirittura pari a 10.1, cioè chi è sottoposto a onde elettromagnetiche generate dai telefonini, rischia la funzione oculare 10 volte di più rispetto a chi non è sottoposto a campi elettromagnetici. Dal Convegno, inoltre, è emerso che attualmente l?uomo è esposto a dei valori di radiazioni milioni di volte superiori rispetto a quelle prodotte dall?ambiente naturale, con inevitabili conseguenze negative sulla salute umana. Il grido di allarme degli scienziati è quindi chiaro: USATE IL TELEFONO CELLULARE SOLO IN CASO DI EMERGENZA!!

    Il Convegno di Lacco Ameno d?Ischia organizzato dal CODACONS è stato aperto dal saluto del Sottosegretario alle Comunicazioni On. Giancarlo Innocenzi, il quale ha dichiarato che il Governo è attualmente impegnato a sentire tutte le varie voci della comunità scientifica prima di adottare decreti circa i limiti massimi di esposizione. Il CODACONS ha replicato affermando che se veramente si vuole il parere della comunità scientifica nell?interesse non solo dell?industria, ma anche di tutti i cittadini, allora è necessario inserire nella commissione di studio anche i rappresentanti di quella scienza che diede massima cautela proprio a tutela della salute umana. Questi ricercatori, invece, sono stati ingiustamente esclusi dalla commissione. ?Come mai?, ha chiesto un rappresentante del Ispesl, ?l?unico escluso dalla commissione è stato un rappresentante dell?Istituto che da anni fa ricerche sull?elettrosmog e si batte per il principio di massima precauzione??.
    Assenti i rappresentanti dell?Istituto Superiore di Sanità.


    ECCO NEL DETTAGLIO LE EVIDENZE SCIENTIFICHE PRENSTATE DAI RICERCATORI ITALIANI E STRANIERI OSPITI DEL CODACONS AL SIMPOSIO DI LACCO AMENO SULL?INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO:


    1. IL NEOZELANDESE NEIL CHERRY HA DIMOSTRATO LA GENOTOSSICITA? (tossicità che incide sui geni e sul sistema immunitario) DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI A TUTTE LE FREQUENZE LUNGO LO SPETTRO

    2. L?INGLESE GERARD HYLAND HA EVIDENZIATO L?INADEGUATEZZA DELLA NORMATIVA DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE E LE LINEE GUIDA ATTUALMENTE ESISTENTI SOTTOLINEANDO I DANNI CHE I CELLULARI POSSONO PROVOCARE SUI BAMBINI.

    3. GLI ITALIANI FIORENZO MARINELLI E CINTI HANNO PRESENTATO LE PROVE DELLA MODIFICA BIOLOGICA DELLE CELLULE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE CHE POTREBBERO ESSERE COFATTORI DELL?INVECCHIAMENTO NEURONALE PROVOCANDO MALATTIE COME ALZHAIMER E PARKINSON

    4. GLI ITALIANI LIVIO GIULIANI E DE NINNO HANNO RIPORTATO RISULTATI SPERIMENTALI CHE PROVANO COME ANCHE DEBOLI CAMPI ELETTROMAGNETICI POSSONO INDURRE MODIFICHE NELLA MATERIA E NELLE CELLULE SMENTENDO QUANTO SOSTENUTO DA ALTRI RICERCATORI CHE AFFERMANO CHE I CEM ALDISOTTO DEL LIVELLO TERMICO NON PROVOCANO ALCUN EFFETTO.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox