2 Aprile 2013

Università, la Corte di Strasburgo «salva» il numero chiuso. Il Codacons: «ha preso una cantonata»

Università, la Corte di Strasburgo «salva» il numero chiuso. Il Codacons: «ha preso una cantonata»

Il numero chiuso all’università non viola il diritto allo studio. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani nella sentenza emessa oggi nei confronti dell’Italia.
I giudici per la prima volta si sono trovati a dover stabilire se il numero chiuso, stabilito in Italia per alcune facoltà, sia compatibile con il rispetto al diritto allo studio sancito dalla convenzione europea dei diritti umani. La Corte ha stabilito che la soluzione trovata dal legislatore italiano per regolare l’accesso all’università è ragionevole.
Per di più i giudici hanno rilevato che tale soluzione non eccede l’ampio margine di discrezione che gli Stati hanno in questo ambito. A presentare il ricorso a Strasburgo erano stati 8 cittadini italiani. Una di loro ha fallito per 3 volte l’esame per accedere alla facoltà di medicina di Palermo. Altri 6 ricorrenti non hanno superato quello per entrare a odontoiatria nonostante l’esperienza professionale acquisita come tecnici odontoiatrici o igenisti. L’ottavo ricorrente invece pur avendo passato l’esame è stato escluso dalla facoltà di odontoiatria dopo 8 anni che non dava esami.
Replica del Codacons
Ma per il Codacons «la Corte di Strasburgo ha preso, per una volta, una cantonata: il fatto che secondo i giudici il numero chiuso non sia incompatibile con quanto sancito dalla Convenzione europea dei diritti umani, non significa che i test d’ingresso rispettino la normativa italiana, a cominciare dalla Costituzione». Inoltre, secondo l’associazione dei consumatori, «ad essere violato non è solo il diritto allo studio sancito dall’art. 3, 33 e 34 della Costituzione, ma anche il libero accesso alle professioni. Insomma questa sentenza, per quanto sia un’occasione perduta, lascia impregiudicate tutte le possibili azioni legali italiane». «Per questo il Codacons, che ha già provveduto a diffidare il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca chiedendo l’eliminazione dei test di ammissione e che, in attesa delle sentenza della Corte Costituzionale, ha già pronta una mega class action per risarcire gli studenti esclusi dalle facoltà, invita il Governo a seguire le indicazioni dell’Antitrust».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox