fbpx
28 Agosto 2013

Università: al via prossima settimana test ingresso

 Università: al via prossima settimana test ingresso

(ANSA) – ROMA, 28 AGO – Ultimi giorni di preparazione per i circa 115 mila diplomati che hanno deciso quest’anno di iscriversi ai corsi di laurea ad accesso programmato a livello nazionale. La prossima settimana cominciano i test d’ingresso. I primi a partire saranno gli aspiranti veterinari (10.812 iscritti), martedì 3 settembre. Il giorno successivo tocca alle professioni sanitarie, il 9 a Medicina e Odontoiatria e il 10 ad Architettura. Il drappello più numeroso è rappresentato anche quest’anno dai potenziale camici bianchi: 84.165 iscritti ai test per 10.157 posti disponibili, circa 15.000 domande in più rispetto allo scorso anno. Per tutti 60 domande e un massimo di 90 punti (1,5 punti per ogni risposta esatta, 0,4 per ogni risposta sbagliata, 0 punti per ogni risposta non data). La soglia minima per il superamento del test è 20 punti. Ma quest’anno entra in gioco anche il cosiddetto Bonus maturità: da 1 a 10 punti in relazione al voto ottenuto all’esame di Stato a condizione che lo stesso sia non inferiore all’80esimo percentile della commissione d’esame. Entro il 30 agosto il ministero dell’Istruzione deve pubblicare su Universitaly il voto corrispondente all’80 percentile in ciascuna commissione d’esame per consentire ai ragazzi di calcolare se potranno contare su questi punti extra. Un meccanismo complesso, quello del bonus maturità, sul quale sta lavorando una commissione ai fini di una revisione. “Il problema è – ha spiegato il ministro Carrozza – che la votazione non è omogenea dato che ci sono scuole in cui è più facile prendere voti più alti e scuole in cui è meno facile. E’ difficile avere un metodo obiettivo per equiparare voti presi in scuole diverse perché le commissioni sono diverse”. Per quanto riguarda Medicina quest’anno si darà più spazio ai quesiti che richiedono un ragionamento logico: 25 sui 60 complessivi. Ci saranno poi 5 domande di cultura generale, 14 di biologia, 8 di chimica e altrettante di fisica e matematica. Cento minuti per risolvere il tutto (erano 120 lo scorso anno ma per 80 quesiti). Il Codacons a fine luglio ha annunciato un mega ricorso contro i test di ammissione alla facoltà di Medicina. Il ministro Carrozza, augurando via Twitter ‘in bocca al lupo’ ai futuri medici, ha ammesso che per questa facoltà “la situazione e’ complessa” (platea vastissima rispetto ai posti disponibili), ma ha espresso perplessità sull’ipotesi, avanzata da alcuni, di sostituire i test con una selezione sulla base degli esami fatti. “Sul fatto che sia meglio selezionare dopo un anno di esami ho qualche dubbio perché si tratta -ha spiegato oggi dai microfoni di Radio Uno – di un anno perso per chi non riesce a proseguire nello studio della medicina. La mia esperienza è che la vocazione del medico si vede più avanti e non certamente dopo un anno. Ho attivato una commissione, della quale fanno parte anche gli studenti, per studiare, attraverso una collaborazione con il Ministro della Salute, il problema della formazione dei medici, della loro carriera, della loro selezione, dei rapporti tra il servizio sanitario nazionale, le scuole di specializzazione, il sistema nazionale ospedaliero”. (ANSA).

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox