15 gennaio 2018

UNISCITI ALLA RACCOLTA FONDI PER FARE GIUSTIZIA NELLO SCANDALO DIESELGATE

Caso Volskwagen: le associazioni dei consumatori unite a sostegno di un consumatore di Messina

Il crowdfunding per la Giustizia

Davide non soccomberà contro Golia!

Nello scandaloso e clamoroso silenzio delle autorità nazionali preposte al controllo, tutte le associazioni dei consumatori lanciano una raccolta fondi per finanziare gli accertamenti tecnici disposti dal Tribunale di Messina sull’autovettura di un consumatore nell’ambito della causa da lui instaurata contro Volskwagen. Si tratta della più grande campagna di crowdfunding a fini di Giustizia.

Nell’ambito di un procedimento civile nei confronti di Volskwagen promosso dal proprietario di una Volkswagen Tiguan appartenente a quelle “infette” coinvolte dal Dieselgate, infatti, al consumatore di Messina è stata richiesta una somma di quasi 20.000 euro – superiore al valore stesso della macchina – per  verificare se il livello di emissioni inquinanti del suo mezzo rispettasse o meno la norma di legge per la quale era stata omologata e che lo avevano indotto a comprarla.

Da mesi, ormai, le autorità pubbliche ignorano i costanti appelli del Codacons sull’allarmante situazione in cui si è venuto a trovare il consumatore, che non è in grado, da solo, di corrispondere un importo così elevato.

Le verifiche sull’automobile del consumatore di Messina disposte dal Tribunale possono essere utili a tutela dei diritti di tutti i consumatori che sono state vittime del cosiddetto “Diselgate”, in quanto elementi importantissimi per fondare la responsabilità della Volkswagen nella vicenda.

Quasi la metà della cifra richiesta per le verifiche, peraltro, sarebbe destinata a pubbliche autorità, cioè a enti che dovrebbero invece svolgere le loro funzioni al servizio della collettività, mentre il resto alle spese per i consulenti tecnici.

Le autorità pubbliche, pertanto, continuano ad opporre un netto rifiuto a svolgere senza costi per il singolo un’attività che ha con ogni evidenza un risvolto sull’intera collettività e che quindi dovrebbe essere fornita proprio dalle quelle autorità che perseguono istituzionalmente il bene pubblico.

Il tutto nell’atteggiamento di totale chiusura della casa costruttrice tedesca la quale: fuori dall’Europa, in presenza di autorità di controllo realmente terze ed efficaci, è stata costretta a ritirare le autovetture dal mercato e a pagare pesanti sanzioni; in Europa, ha fatto e sta facendo ciò che vuole di fronte a istituzioni deboli, disunite e totalmente incapaci di affrontare con determinazione il colosso dell’auto.

Il consumatore messinese può adesso contare anche sull’aiuto delle associazioni di consumatori che compongono il Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti (CNCU).

Codacons, Adusbef, Centro per i diritti del cittadino (Codici), Movimento Difesa del Cittadino, Movimento Consumatori, Assoutenti, Casa del Consumatore, che insieme rappresentano milioni di consumatori, le quali hanno deciso di unire le loro forze lanciando una piattaforma di crowdfunding per la raccolta pubblica di fondi per finanziare gli accertamenti tecnici sull’autovettura Volskwagen così da non vanificare l’operato dell’esperto e scrupoloso Giudice del Tribunale siciliano.

Una scelta doverosa per dimostrare che, malgrado l’indifferenza delle istituzioni di controllo italiane, c’è un movimento popolare che si oppone alla strapotenza delle multinazionali che devono rispettare le leggi e i cittadini.

Partecipando alla raccolta di fondi, prenderai parte ad una battaglia che sarà di estrema utilità anche nella difesa dei diritti di tutti i proprietari di automobili Volkswagen equipaggiate con il “software truccato”, coinvolti e danneggiati dalla vicenda Diselgate! Dona anche tu cliccando “dona anche tu” al seguente link: https://www.retedeldono.it/it/progetti/coordinamento-di-associazioni-per-la-tutela-dell%E2%80%99ambiente-e-dei-diritti-di-utenti-e e aggiungerai un tassello fondamentale nell’accertamento della verità e nella raccolta di elementi che saranno decisivi anche per la tutela della tua posizione giuridica!

La piattaforma di crowdfounding è operativa e rendiconta pubblicamente le proprie uscite che saranno utilizzate unicamente per le spese della consulenza tecnica nell’ambito del procedimento del consumatore di Messina contro Volskwagen pendente presso il Tribunale di Messina, rg. 2667/2016.