11 Ottobre 2009

UN’INDAGINE DEL CODACONS Un italiano su tre si collega a un social network una volta al giorno

 
ROMA – Al momento di ricoverarsi, qualche giorno fa, Liz Taylor, ha chiesto ai 164.239 "amici" che la seguono su Twitter di pregare per lei. Settantasette anni, l’attrice ha comunicato il buon esito dell’operazione al cuore ai suoi fan attraverso Twitter, appunto. Quel servizio di social network, quell’immensa piazza di chiacchiere on line, che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile attraverso messaggi molto brevi. L’avversario di Facebook. Chi le sta vicino dice che la "gatta sul tetto che scotta" sembra avere una passione sfrenata per i contatti on line. Non è sola. Facebook ha quasi sessanta milioni di utenti, con due milioni di nuovi iscritti a settimana. A sentire gli "strizzacervelli" almeno il 10% della popolazione di internauti è vulnerabile alla dipendenza dal video. Al muretto virtuale, al salotto oltre il vetro, alla relazione mediata dai tasti e dalle connessioni telefoniche. Anche in villeggiatura.  Un’indagine del Codacons rivela come nemmeno durante le ferie gli italiani riescano a liberarsi di Facebook. In media, un cittadino su tre, anche quando è lontano dallo stress del lavoro e dalla vita di sempre, non riesce a fare a meno del social network e si collega almeno una volta al giorno al proprio profilo o a quello di amici. Aggiornando, ovviamente, stati e informazioni o dilungandosi a commentare le foto e le confessioni altrui. «Sono otto mesi che un mio amico naviga su Facebook – si legge in un blog – e non riesce più a farme a meno. E’ diventata una sorta di fame bulimica. Qualcuno conosce una qualche procedura per uscirne?» L’appello di bryana82: «Non ce la faccio…Oggi avevo promesso di non entrare in quel luogo di perdizione e sono in crisi d’astinenza…aiuto…tenetemi lontana da quel postaccio!!!». Risponde flower703: «Anche a me ha dato dipendenza, per fortuna al lavoro me l’hanno bloccato. Appena sveglia al mattino a casa subito ci vado…Infatti sto facendo sempre tardi al lavoro…Poi la sera mi ci ributtooooo…».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this